192 mila euro per far più bella e sicura la città

0
812
Ovada, consiglio comunale

L’assessore ai Lavori Pubblici Sergio Capello e il sindaco Paolo Lantero incontreranno di nuovo i tecnici della  Provincia per trovare  soluzioni di messa in sicurezza delle strade provinciali Via Molare e Via Novi. “Sono indispensabili altri rilevatori”, Capello non si arrende, la Provincia ha già risposto picche per mancanza di disponibilità, ma anche le risorse del Comune sono misurate. Lunedì il consiglio comunale si è confrontato sulle priorità d’intervento, spalmando 192 mila euro di integrazione al bilancio di previsione su una pluralità di lavori in attesa d’attuazione e progetti di contrasto al disagio sociale.

L’aumento della spesa si è reso possibile grazie ad economie di bilancio e a nuove entrate derivanti dalla cessione di nuovi loculi, dall’incasso di sanzioni amministrative: 70 mila euro andranno alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade, 30 mila euro al ripristino della fontana della scuola media Pertini, atrettanto si spenderà per il taglio dell’erba e  la potatura delle piante, la giunta investirà altre risorse nei progetti del Consorzio Servizi Sociali per sostenere le fasce più deboli ed attiverà la revisione del catasto.

“Per gli incidenti in via Molare la preoccupazione è grande, ma anche gli altri interventi, che miglioreranno la viabilità non possono aspettare”, ha detto Capello, elogiando l’ufficio tecnico per i progetti al via in piazza Mazzini, via Marconi, il piano asfalti, ilcompletamento del canile. La progettazione della rotatoria, che è stata affidata a terzi ed entro il 31 agosto sarà definitiva, sucita altre reazioni. “Sono passati cinque anni, non è mancato il tempo, ma una strategia”, dicono Mauro Rasore ed Emilio Braini. La fontana, che in tempi di siccità può sembrare una provocazione,  invece, mette d’accordo tutti.

“Dovrebbe esserci qualche fontana in più a valorizzare la città, che sorge fra due fiumi e si è difesa  dalla siccità”, dice l’oppositore Giorgio Bricola. “Il ripristino non avverrà nel periodo estivo e non prevede consumi eccessivi. Sarà in linea con la nostra amministrazione, che, in mancanza di grandi risorse punta sulla manutenzione per migliorare la città”, concludono l’assessore al Bilancio Giacomo Pastorino e il sindaco Paolo Lantero. Il capitolo più colpito dalla burocrazia è quello del verde pubblico.