Da giovedì 20 a domenica 23 luglio, a Garbagna va in scena la 2^ edizione de “Il borgo delle storie“, il festival teatrale con la direzione artistica dell’attore e regista tortonese Emanuele Arrigazzi e della sceneggiatrice e drammaturga Allegra de Mandato.

Il tema che collega tutti gli spettacoli è la frontiera come luogo di incontro, e non come barriera. Per quattro giorni Garbagna si trasformerà in teatro a cielo aperto con racconti d’autore, spettacoli itineranti (alcuni per famiglie) e teatro di ricerca.

Garbagna conferenza stampa Il borgo delle storie
Foto di gruppo dopo la conferenza stampa di presentazione del festival nel Ridotto del Teatro Civico di Tortona

E’ di Allegra de Mandato l’idea della “frontiera invisibile” come fil rouge degli spettacoli portando avanti una storia comune, pur mantenendo ognuno la propria identità.
«Il tema della frontiera è stato scelto per raccontare come certe barriere possano essere rotte attraverso le storie – spiega -, immaginando un mondo in cui non esistono muri. Un tema declinato dagli ospiti nel modo più personale e ampio possibile».

Garbagna Groppi d'amore
Groppi d’amore nella scuraglia

S’inizia dunque giovedì, alle 19, con “Groppi d’amore nella scuraglia” di Tiziano Scarpa con Emanuele Arrigazzi, che cura anche la regia. Alle 20, “La via del Lupo“, un racconto di e con Marco Albino Ferrari e alle 21,45, “C’era una volta il giorno dopo“, scritto e diretto da Enzo Buarnè, con canzoni di Andrea Robbiano e gli attori del Teatro del Rimbombo: Diego Azzi, Laura Gualtieri, Stefano Iacono, Andrea Robbiano e Riccardo Sisto.

Garbagna Parole e sassi
Parole e sassi

Venerdì 21 luglio, alle 17,30, “Parole e sassi“, la storia di Antigone in un racconto per un pubblico dagli 8 anni in su, con Patrizia Camatel, che dopo lo spettacolo farà raccontare ai bambini quello che hanno percepito della tragedia greca in una sorta di laboratorio. Alle 19, spettacolo itinerante per famiglie “Tra gli alberi” di e con Angelica Zanardi, musiche originali al vibrafono di Pasquale Mirra e alle 21,45, “Non voltarti Indietro” di Chiara Boscaro, regia di Marco Di Stefano, con Valeria Sara Costantin e Diego Runko: si racconta il mito di Orfeo e Euridice ai giorni nostri e la difficoltà ad affrontare il tema del dolore.
Sabato 22 luglio, alle 17,30, “Quattro passi per sgranchirsi l’anima“, spettacolo per famiglie di e con Antonio Catalano che racconta con i suoi versi il paesaggio e a seconda di dove si trova lo spettacolo che ne esce è unico. Alle 18,30 “Il Contabile” di Fabio Martinello sul confine tra il bene e il male; chiusura alle 21 con “Fiabe della buonanotte” a cura della libreria Namastè e alle 21,45 con “Buoni propositi” il nuovo spettacolo di Allegra de Mandato e Emanuele Arrigazzi, che è anche interprete con Alberto Mancioppi. E’ stato presentato in prima nazionale al festival di Asti Teatro e racconta il tema dell’attesa. Alle 22,45, “La leggenda dei cartografi“, lettura di Vittorio Macioce.

Garbagna Buoni propositi
Buoni propositi

Domenica 23 luglio, alle 11, laboratorio per bambini a cura di Poesie Pop Corn, un duo che farà anche originali incursioni nel fine settimana; alle 17,30, L’anatra e la morte, spettacolo di burattini della Compagnia Paolo Sette, che racconta la morte ai bambini in modo lieve. Alle 18 il giornalista e scrittore Antonio Armano presenterà il suo nuovo libro “La signora col cagnolino e le nuove russe col pitbull” e farà un intervento sull’aspetto politico e letterario della frontiera e dell’immigrazione. Alle 19, “Uomo invisibile” da H.G. Wells e E. Cioran, con testo, spazio scenico e interpretazione di Paolo Musìo. Alle 21,30 “Inferno“, lo spettacolo itinerante con la compagnia degli abitanti di Garbagna, regia di Emanuele Arrigazzi e drammaturgia di Allegra de Mandato, sul confine tra la vita e la morte.

Garbagna conferenza stampa Borgo delle storie
Un momento della conferenza stampa di presentazione nel Ridotto del Civico di Tortona

Il festival è organizzato dal Comune di Garbagna con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona.

.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCibo, vino, musica e thriller… sotto il segno di Leonardo
Articolo successivoDue mesi in Norvegia: bilancio di metà stagione