A Ovada s’impara a scalare le montagne con una gamba sola

Il corso è gratuito

0
2474
Roberto Bruzzone, primo da destra, e il gruppo di lavoro

Arrivano da tutta Italia per partecipare al corso di perfezionamento del cammino per amputati di arti inferiori, che si svolge gratuitamente ogni mercoledì dalle 10 alle 12 al centro sportivo comunale Geirino a cura dell’associazione Naturabile onlus, fondata da Roberto Bruzzone. Ha 37 anni è di Ovada e di professione scala montagne e va alla scoperta del mondo con una gamba sola.“Robydamatti” è anche il walk camp per disabili, che Bruzzzone sta organizzando dal 6 al 10 agosto alla Baita del Gorzente a Bosio sulla via della Benedicta con iscritti da varie regioni.

L’altra gamba l’ha persa in un incidente stradale nel 2000. Dopo la trafila ospedaliera riprese il lavoro e al contempo si allenava, i percorsi di avviamento al cammino sono diventati viaggi di sopravvivenza, così decise di lasciare l’impiego per dedicarsi alla sua passione. Il primo viaggio è stato a Santiago di Compostela, poi ha scalato il Kilimangiaro, ha partecipato a programmi televisivi di sopravvivenza, raccontando il cammino in Islanda, la vetta dell’Aconcagua in Argentina, il giro della Corsica, il deserto della Namibia, ha camminato da Lima in Perù fino alla Bolivia.

A settembre presenterà il primo libro “Limiti”, scritto con Federico Blanc, che è stato il primo allievo di Burzzone al centro di riabilitazione di Bologna ed è diventato capitano della nazionale di sitting volley. “L’esperienza di Bologna mi ha illuminato, ho pensato di avviare un corso per amputati anche Ovada”, racconta Bruzzone che insieme agli amici Robert Bavazzano e Alessio Alfier ha dato vita alla onlus, è aperta a nuovi sostenitori, fra cui Simonetta Albertelli e cerca sponsor. “Il corso è e dovrà rimanere gratuito, stiamo per attivare anche il giovedì e in futuro speriamo di estendere gli allenamenti a tutti i giorni della settimana”, anticipa Bruzzone. “E’ il centro che mancava – racconta un’iscritta, Cristina di Bosco Marengo, mentre Bruzzone le riassesta l’arto tra un esercizio e l’altro – Dopo la riabilitazione è necessario continuare l’allenamento per migliorare la postura e l’agilità, attraverso esercizi alternativi alla palestra. Inoltre il preparatore è un amputato come noi, in più il corso è gratuito”.

Fra i primi iscritti ci sono anche Mario di Molare, Giuseppe di Vigevano, Bruno di Montaldo Bormida, Dario di Torino.

Negli stessi locali di Naturabile, messi a disposizione dalla Polisportiva all’interno del Centro sportivo comunale Geirino in strada Grillano ha sede anche l’Asd Sentieri di Confine, l’associazione sportiva fondata da Roberto Bruzzone per promuovere escursioni turistiche di trekking e mountain bike, vacanze sportive per normodotati e disabili, alla scoperta delle ricchezze dell’Alto Monferrato e della Liguria. “E’ il primo mattoncino per costruire un turismo sostenibile”, dice Bruzzone, che sta formando il prossimo gruppo per il 24 e 25 luglio nel Parco Appennino.

Il 29 luglio, inveve, nell’ambito di Attraverso Festival, Bruzzone organizzerà il trekking alla Benedicta prima del concerto.