Sabato sera il Teatro della Juta ospiterà la prima de “La bisbetica domata”, opera di William Shakespeare portata in scena da Luca Zilovich e prodotta dallo stesso Teatro della Juta e da Commedia Community. 

Sarà, però una bisbetica un po’ diversa, che segue la trama originale, ma che vede un incontro fra il teatro odierno e un testo classico come quello del bardo inglese. In un’Italia immaginaria del Seicento un gruppo di attori, poco più di saltimbanco, fra costumi improvvisati e maschere della commedia si delinea nei personaggi che si animano sul palcoscenico.

Battista è il gentiluomo padovano assediato dai pretendenti alla mano della figlia Bianca, che non vuole, però dare in sposa prima che Caterina, sorella maggiore e “bisbetica”, non avrà convolato a nozze. Qui entra in scena Petruccio, uomo d’avventura e bisognoso di denaro si lancia in un corteggiamento alternativo e sfrenato, con duelli di spada e molto altro che attirano un interesse in Caterina.

I due sono alla fine affini, per quanto opposti si avvicinano in quanto sostanzialmente emarginati dalla società nella quale vivono. La commedia non conduce al matrimonio, bensì all’accettazione di sé stessi e dell’altro, mettendosi in gioco grazie anche all’incontro con persone che si trovano ai margini del mondo e che scoprono lati che non immaginavano della propria persona.

Inizio ore 21