Al via il tour gastronomico più longevo d’Italia promosso dall’ Associazione Albergatori e Ristoratori Valli Borbera

0
1453
Il presidente Michele Negruzzo alla presentazione dello scorso anno

Sarà il Ristorante Da Bruno di San Nazzaro di Albera Ligure, ad avviare, domani mercoledì 27 marzo, l’edizione  numero 41, del Tour gastronomico della Val Borbera, l’evento che dal 1978 porta i turisti alla scoperta di questi verdi luoghi  e delle prelibatezze del territorio.

I gourmand possono contare sull’offerta di ventuno ristoranti dislocati tra le valli Borbera, Spinti e, dallo scorso anno anche Val Curone. Sono trenta tre gli appuntamenti, in calendario, suddivisi tra la primavera e l’autunno, con piatti stagionali della tradizione, preparati seguendo uno slogan che è rimasti invariato nelle esecuzioni  “Far vivere i prodotti tipici per far vivere le  vallate”; il tour primaverile permette a chi non conosce  questi fantastici luoghi di apprezzarne i sapori e le bellezze nella stagione più affascinate dell’anno,  in quello autunnale, di ammirarne i colori e degustare i piatti con i prodotti i di massima eccellenza: funghi, tartufi e selvaggina.

Il tour, nasce dall’idea di sei giovani ristoratori proprio con l’intento di far conoscere il territorio e i suoi prodotti, per garantire la qualità dei cibi e l’accuratezza del servizio. Primo presidente è stato Bruno Pianzolla che ha ricoperto la carica per oltre una decina d’anni, il patron del ristorante che quest’anno ospita la presentazione del tour, serata a inviti, riservata alle autorità locali e alla stampa

Il territorio e le sue tipicità sono al centro dei nostri progetti. – spiega il presidente Michele Negruzzo –  I nostri piatti tipici, classici, di ricerca e rivisitati, interpretano e danno risalto alle tante produzioni locali.  Viviamo in una terra di confine, ciò risulta evidente quando si dice che siamo nel territorio delle quattro Regioni (Piemonte, Emilia, Lombardia, Liguria), lungo l’antica Via del Sale e siamo, per altro, l’unica Valle del Piemonte a confinare con l’Emilia. Nonostante le nostre vette e il territorio impervio abbiano preservato la natura e le tradizioni, la peculiarità di essere terra di confine ha, nello stesso tempo, reso possibile una contaminazione territoriale reciproca, di culture e di cucine.  La nostra Associazione rappresenta un’offerta varia: alberghi, ristoranti, pizzerie, agriturismi, bar, in tal modo si rappresenta il territorio nella maniera più ampia possibile”.

Il libretto, con le date del tour, è reperibile nelle attività commerciali delle valli o si può richiederlo all’indirizzo mail: [email protected]