Approvato il bilancio di previsione

Nella seduta pomeridiana del Consiglio comunale, restano dubbi su come opererà 5 Valli sui rifiuti. Niente più scuolabus per la materna: "Non serve"

0
1472
Consiglio Arquata Scrivia
Il Consiglio comunale di Arquata Scrivia

Seduta pomeridiana per il Consiglio comunale di Arquata Scrivia nell’inusuale orario delle 16:30: “Abbiamo dovuto convocare il Consiglio  nel pomeriggio – ha detto il sindaco Alberto Basso su richiesta di Diego Sabbi dell’opposizione – poiché la segretaria in carica deve presenziare a diverse sedute, fra le quali due oggi e il vice segretario ha a disposizione solo 120 giorni all’anno per farne le veci”.

Il nodo fondamentale della seduta è stata l’approvazione del bilancio di previsione, alla quale hanno votato contro i membri dell’opposizione. Su questo punto è arrivato l’intervento di Cecilia Pasquale di Arquata di Tutti, che ha sottolineato come molti degli interventi previsti fra il 2017 e il 2018 dovrebbero essere sovvenzionati da denaro proveniente da Cociv ed Rfi, ovvero dal Terzo Valico. “Mi chiedo – ha detto la Pasquale – se siamo sicuri che questi fondi arriveranno e nel caso il programma triennale della maggioranza mi pare sia stato strutturato sui fondi del Terzo Valico. Se non ci fosse stato come avreste fatto?”. Ha risposto l’ex sindaco Spineto, oggi assessore ai lavori pubblici che ha evidenziato come se l’assessorato non avrà i soldi non farà partire nulla, mentre la maggioranza ha taciuto sul secondo punto.

Dal punto di vista delle infrastrutture, poi è stato reso noto che nel 2018 dovrebbe esserci un intervento sul ponte di Vocemola per quanto riguarda il manto d’asfalto e i parapetti. Resta ancora in attesa la causa per la piscina comunale che è stata spostata a novembre anche se sulla questione Spineto si è detto “Perplesso per l’atteggiamento del perito incaricato dal giudice che ha cambiato atteggiamento chiedendoci di riconoscere ‘qualcosa in più’ alla ditta cosa che ovviamente non faremo”.

Importante poi il punto sui rifiuti. Arquata passerà ad agosto a 5 valli che avvierà un nuovo tipo di raccolta di rifiuti, eliminando i cassonetti e passando al porta a porta. Preoccpata Stefania Pezzan: “Francamente abbiamo notato e segnalato alcune lacune da parte di 5 valli per quanto concerne la comunicazione, secondo noi dovrebbero iniziare farsi conoscere, e far conoscere il proprio sistema”.

Sul tema è intervenuto Sabbi che ha fatto notare come sarebbe importante sensibilizzare e invogliare la cittadinanza ad effettuare una raccolta differenziata in modo adeguato, che comporterebbe anche un risparmio per il Comune. Sempre Pezzan ha illustrato anche il progetto di incentivi del recupero degli edifici per contrastare il consumo di suolo.

Passando alla scuola ci sono importanti novità che erano nell’aria. Lo scuolabus verrà abolito per lea scuola materna in quanto “Attualmente ci sono 13 bambini che risiedono fuori da Arquata, quindi non avrebbero neanche il diritto di usufruirne – ha detto l’assessore alla Cultura Nicoletta Cucinella – ma soprattutto con la sospensione dei voucher non possiamo permetterci di prendere una persona per 40 minuti al mattino e altrettanti al pomeriggio”. Discorso simile per il pre-scuola che verrà gestito dai bidelli, visto che l’orario scolastico è mutato e le lezioni ora iniziano prima.

Infine le tariffe del Palazzetto dello sport verranno unificate sia per i residenti che per i non residenti, che prevede un piccolo aumento mentre i rapporti con le associazioni e le società resteranno invariate.