Arrestato dai carabinieri 65enne, legato a “Cosa Nostra”, per estorsione ed usura nei confronti di due imprenditori dell’alessandrino.

0
782

Nelle prime ore di questa mattina i Carabinieri di Genova Sampierdarena e Novi Ligure hanno arrestato tale Emanuele Monachella alias Orazio, classe 1956, già condannato in secondo grado per traffico di sostanze stupefacenti con l’aggravante  “mafiosa”, estorsioni continuate aggravate, associazione di tipo mafioso, ritenuto esponente di spicco del clan “Fiandaca-Emmanuello” interno a “Cosa Nostra” ed attivo nella provincia di Genova. Contestualmente sono state eseguite due perquisizioni personali e domiciliari: una a carico del Monachella ed una seconda, sempre a Genova, a carico di un altro indagato A.I. 72enne anch’egli accusato e denunciato per i reati di usura ed estorsione.

La caserma dei carabinieri di Novi

Per Monachella ci sono anche gravi indizi di colpevolezza in ordine ai reati di estorsione e usura, commessi dal 2018 al 2021 su due imprenditori dell’alessandrino che si erano rivolti a lui a causa delle difficoltà economiche che le rispettive attività commerciali di compravendita di auto/motoveicoli stavano attraversando, ulteriormente aggravate dalla pandemia in corso.

Il provvedimento trae origine da una complessa attività investigativa dei carabinieri dei Nuclei Operativi di Genova-Sampierdarena e Novi Ligure, avviata alla fine del 2020 e nata da una denuncia presentata da una delle vittime, che però aveva omesso tutte le condotte ascrivibili al Monachella, di cui aveva ben intuito lo spessore criminale. La persona offesa si era infatti limitata a indicare un altro soggetto quale autore di prestiti a tasso usuraio, ovvero il predetto 72enne, individuo percepito come meno pericoloso ma a cui doveva una cifra più alta, infatti da un prestito di poche migliaia di euro, era arrivato ad un debito di circa 50.000 euro a causa degli interessi. Dalle indagini è emerso che l’imprenditore si era rivolto anche al Monachella che avrebbe effettuato, dal maggio 2018, vari prestiti per importi tra i 1.000 e i 4.000 euro e richiedendo ed ottenendo la restituzione di tali somme alla scadenza pattuita con ulteriori somme pari ad almeno il 20-25% a titolo di interessi mensili, corrispondenti su base annua a tassi di interesse compresi tra il 200% e il 300%.  Nel corso delle indagini, svolte attraverso una minuziosa attività tecnica e servizi di pedinamento e osservazione, sono stati documentati svariati incontri tra il principale indagato e la parte offesa, finalizzati alla consegna di ingenti somme di denaro. Il tratto costantemente rilevato dagli operanti è stato l’atteggiamento deferente e impaurito che la vittima manteneva in ogni interlocuzione con il suo strozzino che temeva per la nota caratura criminale. Al Monachella sono state anche contestate condotte estorsive nei confronti dell’imprenditore poiché, per ottenere le somme richieste, minacciava pesantemente la vittima.

Carcere di Marassi

L’attività investigativa ha permesso di individuare un altro imprenditore dell’alessandrino, anch’egli vittima di usura da parte del Monachella che, dopo avergli concesso un prestito dell’importo di euro 2.000, gli ha richiesto la restituzione della somma entro un mese con ulteriori euro 500,00 a titolo di interessi (per un totale di euro 2.500) ed ottenendo effettivamente la consegna tre settimane più tardi di euro 2.500.

Sono stati sequestrati dei telefoni cellulari e fogli manoscritti con contabilità sul cui conto sono in corso ulteriori approfondimenti. Il Monachella è stato rinchiuso a Marassi, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.