Biodigestore: si riunisce l’Osservatorio Ambientale Comunale

Dopo l'approvazione del progetto da parte della Regione Liguria, ad Arquata si torna a discutere di come evitare la costruzione dell'opera

0
1009

Ad Arquata si torna a parlare della vicenda legata al biodigestore che dovrebbe essere costruita nel territorio del Comune di Isola del Cantone. A riunirsi sarà l’Osservatorio Ambientale Comunale che ha convocato la riunione presso la sala Juta in cui si discuterà dei nuovi sviluppi della vicenda, su tutti dell’approvazione del progetto da parte della Regione Liguria e la situazione dei ricorsi effettuati dai comuni di Arquata ed Isola.

Nelle scorse settimane è arrivato l’ennesimo e netto “no” dell’amministrazione arquatese che già sotto la Giunta Spineto si era schierata contro la costruzione dell’impianto di smaltimento di rifiuti e produzione di di energia, con l’allarme lanciato anche da associazioni ed enti pubblici piemontesi e liguri per quelli che potrebbero essere i problemi legati alla possibile contaminazione dell’acqua dello Scrivia, che rifornisce oltre metà dell’abitato di Arquata e parte di Serravalle.

Su questo punto tutto il Consiglio comunale si era schierato in maniera compatta contro l’opera con l’Ammnistrazione che tramite l’assessore all’Ambiente Stefania Pezzan ha sollecitato la Regione Liguria a considerare serieamente la possibilità che la costruzione del biodigestore in quel sito, potrebbe portare alla fuoriuscita di rifiuti che Gestione Acqua ha definito a potenziale “rischio batteriologico”. Contrari senza se e senza ma anche le opposizioni con Fabrizio Dellepiane: “Dobbiamo tutelare la nostra acqua” e Diego Sabbi: “La nostra acqua rischia già per il Terzo valico”.

L’Osservatorio si riunirà venerdì 3 marzo alle 21, presso il Teatro della Juta.