Chiusa con un’ordinanza e poi riaperta la piscina della Locanda La Raia

Il provvedimento del Comune emanato in seguito a un sopralluogo dell’Asl che ha rilevato una serie di carenze, poi colmate dalla proprietà

0
2156
Locanda La Raia, a Gavi: la piscina
Locanda La Raia, a Gavi: la piscina

AGGIORNAMENTO: l’ufficio stampa della Raia fa sapere che la piscina è stata riaperta dopo che sono state colmate le lacune rilevate dall’Asl e dall’ordinanza comunale. 

Chiusa in seguito a un’ordinanza la piscina della Locanda La Raia, in località Lomellina, a Gavi. L’antica posteria per le carrozze del cavalli, fino agli anni Sessanta cascina di proprietà della vicina tenuta dei Raggio, è stata acquistata nel 2002 dall’azienda vitivinicola La Raia di Monterotondo, nota per le produzioni di vino biodinamico. Due anni fa l’edificio è stato ristrutturato per aprire la Locanda La Raia, prestigioso agriturismo con numerose camere e menù con piatti della tradizionale locale, oltre a uno spazio dedicato al benessere con sauna, bagno turco, piscina interna ed esterna riscaldata.

L’ordinanza firmata dal sindaco Rita Semino riguarda proprio la vasca della piscina: il provvedimento, in base a quanto rilevato dal personale dell’Asl, evidenzia una serie di irregolarità nella gestione della vasca. Sono risultati assenti il piano di autocontrollo e i registri di vasca per i controlli analitici dell’acqua. Inoltre, all’ingresso, manca un regolamento per l’uso interno della piscina nonché un cancello con chiusura controllabile. Intorno alla vasca, ha rilevato ancora l’Asl, è assente una recinzione alta almeno 120 cm e a bordo vasca mancano anche i galleggianti salvagente. La piscina resterà chiusa finché le carenze non verranno risolte, come stabilisce l’ordinanza.