Chiusa l’istruttoria sul rendiconto 2015 e sul bilancio 2016-2018

0
272

La Corte dei conti chiude l’istruttoria sul rendiconto 2015 e sul bilancio 2016-2018: dopo i chiarimenti che il Comune di Tortona ha fornito, la sezione di controllo non ha rilevato criticità tali da determinare una pronuncia specifica, anche se i giudici contabili richiamano l’attenzione dell’ente su almeno tre punti.

La Corte dei conti esegue i controlli di prassi su tutti i Comuni in relazione a quanto inviano i revisori dei conti. Dalla relazione degli organi di revisione economico-finanziaria possono emergere criticità di cui la sezione di controllo chiede riscontro. Ed è quanto è accaduto in questo caso.

Dall’esame della relazione redatta dai revisori dei conti sul rendiconto 2015 e sul bilancio preventivo 2016-2018, il giudice istruttore ha avviato anche per il Comune di Tortona un’indagine sulla gestione dell’ente chiedendo di fornire delucidazioni in merito ad una serie di punti sui quali il Comune ha risposto, dissipando ogni dubbio.

Tuttavia i giudici contabili raccomandano all’ente e all’organo di revisione massima attenzione al corretto utilizzo dell’avanzo, anche se il Comune ha ribadito che si tratta di avanzo vincolato e destinato, e quindi usufruibile; alla determinazione del fondo pluriennale vincolato; e alla rimodulazione del piano di recupero del disavanzo da riaccertamento straordinario dei residui. A questo proposito la Corte di conti ricorda che «è piena facoltà dell’ente, nonostante la deliberazione di un piano di rientro trentennale, ripianare il disavanzo in un termine minore e rivedere il relativo piano».