Con le Invasioni Digitali al via l’anteprima della IX Biennale Pellizziana

Sabato 29 aprile a Volpedo: con le #invasionipellizza iniziano le manifestazioni di primavera

0
1419
Volpedo-piazza_Quarto_Stato-quadro

Volpedo entra nel vivo delle manifestazioni che accompagnano la mostra costruita intorno a “Il ponte” di Pellizza (Studio del pittore, da sabato 6 maggio a domenica 25 giugno).

Sabato 29 aprile, dalle 14,30, si rinnova l’appuntamento con le “Invasioni digitali”. Per il secondo anno consecutivo il format ideato da Fabrizio Todisco e Marianna Marcucci per valorizzare il patrimonio culturale italiano torna in uno dei “borghi più belli d’Italia”, dove è nato il pittore del Quarto Stato Giuseppe Pellizza.

Il tema delle Invasioni 2017 è “Culture has no borders” (la cultura non ha confini) ed è per questo che, oltre alla tradizionale visita guidata, chi parteciperà all’evento potrà anche ascoltare la musica dei “Pifferi della Quattro Province” e delle tradizioni folkloristiche dell’Appennino.

«Quest’anno le Invasioni Digitali affrontano la sfida di unire la visita al museo ad una esperienza di altro tipo – dice Claudio Cheirasco, il capo invasore a Tortona e dintorni -. Invitare i “Pifferi” alle Invasioni mi è sembrato una normale conseguenza ed ho subito trovato la massima disponibilità, sia da parte dell’Associazione Pellizza da Volpedo che del Comune di Volpedo. Un’altra persona che è stata di fondamentale importanza per l’organizzazione di questo evento è Claudio Gnoli, coautore del libro “Coi nostri strumenti: la tradizione delle Quattro Province dall’artigianato alla festa”, che ha fatto da intermediario con Andrea Ferraresi e Cesare Campanini che sabato suoneranno rispettivamente il piffero e la fisarmonica». Saranno loro ad accompagnare la visita guidata tra le vie del borgo, scandita da soste presso alcune delle riproduzioni di opere di Pellizza collocate nel luogo di realizzazione. In vista dell’IX edizione della Biennale pellizziana alcune delle diciotto postazioni sono state arricchite con la posa di nuove didascalie e l’aggiunta di immagini storiche.

Il corteo passerà anche da piazza Quarto Stato, il luogo in cui il pittore ha dipinto il capolavoro del Divisionismo, oggi esposto al Museo del Novecento di Milano. Sulla piccola piazza avverrà la presentazione dei lavori di riallestimento del Museo didattico, attualmente in corso di svolgimento, oltre al “rito” della fotografia di gruppo nella posizione dei personaggi del quadro.

Il corteo si dirigerà infine all’ultima tappa, nell’adiacente piazzetta dei Migranti, dove si potrà assistere alla musica e ai balli dei “Pifferi” e dei loro fan e sarà possibile visitare l’Installazione Multimediale “L’umanità in cammino. Il racconto del Quarto Stato“, fiore all’occhiello della proposta museale volpedese.

L’appuntamento con gli invasori è alle 14,30 all’Antico Mercato in piazza Perino, dietro al municipio. Il corteo che precederà l’invasione partirà alle 15.

Per partecipare occorre prenotarsi sul sito invasionidigitali.it e presentarsi all’ora indicata nel luogo da invadere con smartphone o macchina fotografica. Ai partecipanti viene chiesto se possibile di realizzare la propria “Invader Mask“, scaricabile dai file del gruppo facebook “Invasioni Digitali Piemontesi”. L’immagine va poi stampata su cartoncino del colore preferito e poi ritagliata.

La visita guidata ai Musei e ai Luoghi di Pellizza sarà caratterizzata da due importanti novità: oltre alla presentazione dei lavori di riallestimento del Museo didattico e delle nuove didascalie impreziosite dall’aggiunta di immagini storiche, sarà possibile avere qualche notizia in anteprima, vista la vicinanza con la data del 6 maggio, giorno di inaugurazione, della mostra “La costruzione di un capolavoro – Il Ponte di Giuseppe Pellizza da Volpedo“, in cui si potrà ammirare il quadro recentemente acquistato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona per la galleria “il Divisionismo” e concesso in anteprima allo “Studio del pittore Pellizza“, dove verrà esposto insieme ad alcune opere preparatorie, documenti e fotografie fatte realizzare dallo stesso Pellizza sul greto del torrente Curone durante la preparazione del dipinto. Tutto il programma delle manifestazioni è disponibile sul sito www.pellizza.it.

Le #InvasioniPellizza 2017 sono gratuite, con eventuale contributo libero a favore dell’Associazione Pellizza da Volpedo.