Controlli a raffica dei carabinieri sospensione a un bar e denunce

0
997

Una lunga serie di controlli ha tenuto impegnati nei giorni scorsi i carabinieri della Compagnia di Novi, nei confronti della movida locale. Tali interventi sono stati eseguiti al fine di garantire la sicurezza, sia nei locali pubblici dove avviene la concentrazione soprattutto da  parte dei giovani che lungo le strade di maggior percorrenza del territorio.

È stata disposta la sospensione temporanea dell’attività, per 10 giorni, imposta dall’Autorità al bar Principe di viale Saffi. L’altro giorno sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Novi, i quali hanno riscontrato una serie di irregolarità nell’esercizio. Nel corso del controllo, i militari hanno rilevato, tra gli avventori, la presenza di personaggi ben conosciuti alle forze dell’ordine e inoltre, sono stati sequestrati due involucri contenenti marijuana che erano stati gettati a terra da ignoti. Infine, i carabinieri hanno anche accertato che i gestori del locale avevano somministrato alcolici a minorenni. Questo insieme di circostanze ha fatto in modo che scattasse il provvedimento di sospensione della somministrazione di alimenti e bevande.

In seguito a questi servizi, un uomo di 42 anni di Novi è stato trovato in possesso di cocaina e segnalato in Prefettura per uso di sostanze stupefacenti. I controlli alla circolazione stradale hanno interessato 42 utenti e 17 veicoli. A Novi e a Serravalle, i militari dell’aliquota Radiomobile e del Comando stazione di Cassano, hanno denunciato in stato di libertà di tre persone, di 21, 25 e 39 anni. Il primo, italiano di Pozzolo, è stato controllato e trovato positivo all’etilometro oltre il limite consentito ed inoltre è stato trovato in possesso di un manganello in polimero, occultato al di sotto del sedile anteriore della sua  auto. L’oggetto atto ad offendere è stato sottoposto a sequestro penale mentre il giovane è stato deferito alla Procura per guida in stato d’ebbrezza e per possesso di oggetti atti ad offendere. Il secondo, un egiziano, è stato fermato a bordo di un’auto guidata da un suo connazionale, senza alcun documento di identificazione ma è stato accertato che irregolare sul territorio italiano. Il terzo, un altro personaggio novese conosciuto dalle forze dell’ordine,  è stato fermato a Novi a bordo della sua autovettura rifiutando di sottoporsi ad accertamento del tasso alcolemico.

I militari delle Stazioni di Novi e Cassano, infine, hanno denunciato per furto in concorso due soggetti di nazionalità marocchina, di cui un giovane dell’età di 18 anni ed una minorenne, che in un noto supermercato del novese, mediante l’utilizzo di una pinza metallica hanno taccheggiato diversi capi d’abbigliamento. I due giovani, fidanzati, sono stati fermati alle casse da personale del supermercato che ha allertato i Carabinieri. I militari, con l’ausilio di una vigilessa, hanno perquisito i due giovani trovando la merce e la pinza. Il ragazzo è stato deferito alla Procura, mentre la minorenne è stata denunciata in stato di libertà alla Procura per i minorenni di Torino.