Covid-19 Piemonte. Aumentano le guarigioni e diminuiscono i decessi

    0
    4314

    L’epidemia ha frenato il suo cammino, ma il momento di “mollare” è ancora lontano. Restare a casa, come crediamo tutti abbiano capito,  è il modo più efficace per sconfiggere questo maledetto virus. Come facciamo da alcuni giorni iniziamo con le buone notizie, perché di queste abbiamo bisogno per mantenere alto il nostro umore, necessario affinché non si abbassino le difese immunitarie.

    BOLLETTINO AGGIORNATO ALLE 19

    Questo pomeriggio, l’Unità di crisi della Regione Piemonte ha comunicato che il numero complessivo di pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, è salito a 54, cosi suddiviso su base provinciale: 4 nell’Alessandrino, 5 nell’Astigiano, 7 nel Cuneese, 5 nel Novarese, 24 nel Torinese, 5 nel Vercellese, 2 nel Vco, 2 provenienti da altre regioni. Altri 156 sono “in via di guarigione”, cioè risultati negativi al primo tampone di verifica dopo la malattia e attendono ora l’esito del secondo. E questa è una buona notizia.

    E’ invece ancora alto, seppur diminuito, il numero dei decessi di persone positive al test del “Coronavirus, che a questa sera sono 45: 14 in provincia di Torino, 6 nel Vco, 4 nell’Alessandrino, 2 nel Cuneese, 6 nel Biellese, 6 nel Novarese, 7 nell’Astigiano.

    Il totale complessivo è ora di 662 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi su base provinciale: 141 ad Alessandria, 30 ad Asti, 64 a Biella, 41 a Cuneo, 93 a Novara, 213 a Torino, 28 a Vercelli, 41 nel Verbano-Cusio-Ossola, 11 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte.

    In flessione i contagi che oggi sono 249. Dall’inizio dell’epidemia le persone risultate positive al “Coronavirus Covid-19” in Piemonte sono 7.920: 1.223 in provincia di Alessandria, 324 in provincia di Asti, 428 in provincia di Biella, 571 in provincia di Cuneo, 676 in provincia di Novara, 3.772 in provincia di Torino, 425 in provincia di Vercelli, 314 nel Verbano-Cusio-Ossola, 77 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 110 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

    I ricoverati in terapia intensiva sono 442. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 22.829, di cui 13.690 risultati negativi.

    La Regione comunica che ai fine di agevolare il raffronto dei dati, da ora in avanti il bollettino contagi sarà diramato una sola volta al giorno, nel tardo pomeriggio, quindi da domani pubblicheremo i dati solo in serata.

    BOLLETTINO DELLE 13

    L’Unità di crisi della Regione Piemonte  nel bollettino quotidiano aggiornato alle 13 del 28 marzo, ha comunicato che il numero complessivo di pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, è salito a 41, cosi suddiviso su base provinciale: 21 residenti in provincia di Torino, 3 nell’Alessandrino, 5 nel Cuneese, 5 nell’Astigiano, 4 del Novarese, 1 nel Vercellese, 2 provenienti da fuori regione.

    Altri 162 sono “in via di guarigione”, cioè risultati negativi al primo tampone di verifica dopo la malattia e attendono ora l’esito del secondo.

    Sono diminuiti i decessi di persone positive al Coronavirus;  i morti sono 19:  6 in provincia di Torino, 2 a Vercelli, 2 nell’Alessandrino, 2 nel Cuneese, 1 nel Biellese, 5 nel Novarese, 1 extra regionale.

    Il totale complessivo è ora di 617 deceduti: 137 ad Alessandria, 23 ad Asti, 58 a Biella, 39 a Cuneo, 87 a Novara, 199 a Torino, 28 a Vercelli, 35 nel Verbano-Cusio-Ossola, 11 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte.

    Sono 7.671 le persone finora risultate positive: 1.197 in provincia di Alessandria, 318 in provincia di Asti, 399 in provincia di Biella, 588 in provincia di Cuneo, 657 in provincia di Novara, 3.658 in provincia di Torino, 397 in provincia di Vercelli, 308 nel Verbano-Cusio-Ossola, 71 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 108 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

    I ricoverati in terapia intensiva sono 439.

    I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 21.511, di cui 13.513 risultati negativi.