Telefoni fissi muti a Molini, in alta Val Lemme, per alcuni abitanti addirittura da fine settembre. Non un guasto di poco conto, a quanto pare, visto che è passato oltre un mese. “Più volte – racconta un residente – ho sollecitato via telefonino la Tim a intervenire ma è quasi impossibile parlare con un operatore. Il sistema di comunicazione prevede l’apertura della segnalazione, cosa che ho fatto ormai più volte, per sentirmi dire che stavano provvedendo da parte di una voce registrata, senza che la questione sia stata finora risolta. Alla fine, con un “sotterfugio”, sono riuscito a parlare con una persona al telefono, spiegando nuovamente la situazione. Finora, però, tutto è come prima”.

La Tim, da parte sua, però, precisa di “non avere alcuna responsabilità in merito ai tempi di intervento per il ripristino del servizio: le linee interessate si trovano infatti all’interno di un armadio stradale in cui sono state rilevate delle tensioni che dipendono, con ogni probabilità, da dispersioni della rete elettrica Enel e che non consentono al personale tecnico di lavorare in sicurezza”. Tim precisa di “aver sollecitato ripetutamente Enel per un intervento che, una volta concluso, consentirà di risolvere il guasto”. La palla, a questo punto, passa a Enel. Chissà quanto dovranno attendere gli abitanti della frazione di Fraconalto e Voltaggio…