Primi segnali di distensione tra l’Outlet di Serravalle e i sindacati. Dopo lo sciopero proclamato ad aprile in merito alle aperture di Pasqua e di Santo Stefano, CGIL , CIS e UIL hanno conquistato oggi un tavolo di confronto e di trattativa con la direzione del Serravalle Designer Outlet.

Il risultato non era assolutamente scontato Risultato dopo le rigidità e l’indisponibilità mostrate dagli interlocutori di McArthur Glen in quell’occasione.

“Non possiamo – dicono gli esponenti della Cisl – che annotare come un passo decisamente positivo quello di aver avviato un confronto sindacale serio e aver registrato nelle dichiarazioni dei dirigenti di McArthur Glen, la disponibilità a confrontarsi su temi e materie di grande interesse anche per tutti i lavoratori dell’Outlet. Il percorso che si è aperto, già con appuntamenti calendarizzati nelle prossime settimane, dovrà a nostro avviso realizzare un’intesa su un sistema di relazioni sindacali e industriali compiuto e strutturato, partendo da quanto già sottoscritto in fase di insediamento del centro, nel lontano anno 2000, e ad oggi ancora valido”-.

Sulla medesima linea sono anche gli altri sindacati. Ricordiamo che in merito a quanto successo per la prima volta, con la mobilitazione dei lavoratori del centro commerciale, si mosse anche il segretario generale della Cgil Susanna Camusso.

Le organizzazioni sindacali, rispettando anche un impegno assunto con i lavoratori, hanno quindi annunciato la presentazione, alla Direzione McArthur Glen, un documento che considerano una vera e propria “piattaforma sindacale”. In esso sono contenuti  punti molto concreti che sostanzialmente puntano al miglioramento delle condizioni di lavoro delle oltre 2 mila persone che ci lavorano.

La realtà lavorativa dell’outlet ha rappresentato un ensamble di tematiche e di problematiche che investe un’intera comunità di persone, migliaia di famiglie quindi, che vanno ben oltre il pur sensibile tema dell’apertura di Pasqua.

“Vedremo – proseguono i sindacati – nel prosieguo del confronto quanto materialmente misureremo in atti compiuti e concreti risultati, a partire dal tema “scottante” delle aperture festive, alle politiche degli orari, fino alla realizzazione dell’asilo nido/scuola dell’infanzia”-.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAndiamo per sagre: Io c’ero!
Articolo successivoAmias, azienda senza personale che serve solo per pagare vecchi mutui