Dopo “Io Donna”, ecco “Movember”, il nuovo progetto del Rotary

0
161

Un successo il progetto del Rotary Club Gavi Libarna, “Io Donna”, dedicato alla prevenzione dei tumori femminili, in particolare il tumore al seno, iniziato a ottobre e che proseguirà fino alla fine di dicembre 2020. “Abbiamo visto edifici pubblici e  il Forte di Gavi illuminati di rosa, – spiegano dal Rotary – sono state effettuate visite senologiche gratuite nel nostro territorio, oltre 50 mammografie gratuite alle donne nate nel 1980, le nuove quarantenni”.

Quest’anno, il Rotary Club Gavi Libarna, insieme alla Commissione Salute Distrettuale, vuole proseguire sulla strada della prevenzione oncologica anche a novembre, con un progetto rivolto questa volta ai maschi.

La Prevenzione è vita”. – Ripetono e spiegano: “Ora siamo a novembre. nel mondo, da anni, è attivo un progetto che si chiama Movember, acronimo che mette insieme il nome del mese e la parola francese “moustache”, baffi: gli uomini sono invitati a farsi crescere i baffi (o la barba) per richiamare l’attenzione sulla prevenzione in azzurro, la prevenzione al maschile. In particolare si vuole ricordare che i tumori della prostata e del testicolo sono cattivi  compagni di viaggio, da identificare rapidamente e curare nel modo più tempestivo e adeguato. Questo è possibile, la scienza medica lo consente e permette di invertire la storia nefasta di malattia. Cosa fare? La Società Italiana di Urologia raccomanda fortemente di fare la prima visita urologica a quarant’anni. L’80% degli uomini non ha mai fatto una visita urologica”.

Oggi il Rotary si sente in prima linea e sta accanto alle persone e alle istituzioni per fronteggiare il disastro Covid ma non può dimenticare che è necessario occuparsi delle malattie che continuano ad imperversare nella popolazione.

“Non lasciamo che la pandemia aggiunga ai danni causati dal Virus anche quelli delle diagnosi tardive, delle cure dilazionate, dei controlli sospesi.- E concludono – Per questo anche nel mese di novembre il Rotary vuole tenere ostinatamente accesa la lampada della prevenzione, declinata stavolta al maschile, sempre scelta vincente, sempre da perseguire, anche con i limiti dell’oggi sanitario. Ricordatevi i baffi e, appena potete, fate la scelta giusta”.