Due arresti in autostrada

0
746

A bordo di una Renault Megane, rubata il giorno dell’Epifania a Taggia, venerdì sera un clandestino albanese ha fatto un furto con spaccata in un bar di Masone ed è fuggito sulla A 26 in direzione Genova. Stava nevicando ma alla vista della pattuglia della Polstrada di Ovada ha accelerato, gli agenti lo hanno affiancato e sono stati speronati. I due veicoli si sono fermati, il capopattuglia si è avvicinato per ammanettare il guidatore e il ladro è ripartito investendo il poliziotto, che ha limitato i danni con un balzo all’indietro. L’inseguimento è ripartito in collaborazione con la polizia stradale di Genova che ha predisposto altre pattuglie sulla A10. La folle corsa si è fermata all’uscita Aeroporto con una carambola contro il guard rail nel tentativo di superare il cordone della polizia. Il cittadino albanese è Manjani Gerjan, 31 anni, senza fissa dimora. Sull’auto c’erano una slot machine e un apparecchio cambia monete, monete di vario taglio per un peso di 5,3 kg, attrezzi e strumenti d’effrazione. A carico di Gerian risultava una condanna di oltre 3 anni per reati contro il patrimonio ed è stato arrestato.
A causa degli incidenti non riportava lesioni gravi, i due pattuglianti guariranno in 20 giorni. Il Gip del tribunale di Genova ha svolto l’udienza di convalida all’ospedale Villa Scarsi di Genova.

E’ stato arrestato e giudicato per direttissima lunedì mattina Osvaldo Negro, 43 anni, che sabato sera è stato sorpreso dalla Polstrada d Ovada nell’area della stazione Stura Ovest in evidente stato di ebbrezza, non è titolare di patente di guida, viaggiava senza documenti e risultava recidivo alle false generalità.