Due etti di cocaina nel cruscotto, soldi e una pressa pneumatica per fare i “panetti”.

La polizia ha arrestato a Tortona un uomo di 26 anni fermato per un semplice controllo al casello della A7

0
726

Due etti di cocaina custoditi nel cruscotto della macchina. Per questo e altro un albanese di 26 anni, T.C., è stato arrestato dalla polizia presso il casello dell’autostrada A7 di Tortona. La macchina stava transitando all’ingresso dell’arteria autostradale quando è stata fermata dagli agenti per un controllo. Secondo il racconto diffuso dalla questura, il nervosismo manifestato dall’uomo ha indotto gli agenti a perquisire l’auto, dove è stato rinvenuto, sotto il cruscotto, un involucro di cellophane contenente oltre due etti di cocaina.

La pressa trovata a casa dell’uomo arrestato per detenzione di stupefacenti

L’albanese è stato quindi arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e successivamente è stata perquisita anche la sua abitazione. Qui sono stati trovati altri 40 grammi circa di cocaina, già suddivisa in dosi pronte per essere vendute, oltre a circa 8000 euro in contanti e a una pressa pneumatica, normalmente utilizzata dagli spacciatori per compattare lo stupefacente in “panetti”.

La droga, rivenduta al dettaglio, avrebbe consentito un guadagno stimabile intorno ai 20 mila euro. Il questore Michele Morelli intende premiare gli agenti che hanno portato a termine la brillante operazione.