E’ morta la donna ospite nella Rsa di Stazzano. Il marito fa un esposto ai carabinieri

Franca Bisio, secondo l'uomo, era positiva al Covid-19 ma l'esito del tampone non è arrivato in tempo

0
960

Mercoledì scorso Luciano Arcaini, aveva raccontato che la sua ex moglie, Franca Bisio, 74 anni, ospite della casa di riposo Castello di Stazzano, affetta da demenza senile, era probabilmente affetta da coronavirus e il suo sospetto era che fosse malata già da oltre due settimane, ma alla data del 22 aprile, non le erano ancora somministrate le cure a causa della mancanza dell’esito del tampone processato il 2 aprile scorso. Il motivo di tanto ritardo sui risultati del tampone, per il signor Arcaini era inspiegabile; gli esiti di quasi tutti i tamponi effettuati in quella giornata erano arrivati e dicevano che su 76 ospiti esaminati, 40 erano positivi, così come 23 dipendenti della struttura.

Dalla casa di riposo avevano spiegato che le richieste all’Asl per effettuare i tamponi era state inoltrate fin dall’inizio di marzo, periodo durante il quale  alcuni ospiti mostravano sintomi compatibili con il Covid-19 e i tamponi sono stati fatti il 2 aprile, quindi circa un mese dopo, ma non hanno saputo motivare il ritardo di alcuni risultati.

Venerdì scorso la signora Franca è peggiorata ed è morta all’interno della struttura, ora la salma giace nell’obitorio dell’ospedale di Novi Ligure a disposizione del magistrato. Luciano Arcaini nel frattempo era riuscito a sapere, grazie a un amico medico, che l’esito del tampone era positivo ma a tutt’oggi la risposta ufficiale non c’è.

L’ex marito vuole vederci chiaro e per questo ha presentato un esposto ai carabinieri di Novi Ligure, che stanno indagando insieme ai colleghi di Alessandria.