E’ morto il giornalista Giulietto Chiesa. Portò Gorbaciov in Val Borbera.

0
347

E’ morto Giulietto Chiesa. Un giornalista impegnato, sensibile, educato.

A darne la notizia il suo amico di sempre, il vignettista Vauro che su fb. Scrive: “Ricordo i suoi occhi lucidi di lacrime a Kabul, davanti a un bambino ferito dallo scoppio di una mina. E’ morto un uomo ancora capace di piangere per l’orrore della guerra”.

Era nato ad Aqui Terme, il 4 settembre 1940, ma la sua famiglia era originaria di Berga, un paese nel Comune di Carrega Ligure in Alta Val Borbera.

In Val Borbera era tornato nel 2002, quando aveva accompagnato il presidente russo Gorbaciov a visitare il monumento di Fedor Poletaev a Cantalupo Ligure.

Giulietto Chiesa aveva un legame speciale con la Russia, da quando il quotidiano l’Unità,  per quale scriveva all’epoca lo inviò nell’allora Unione Sovietica per raccontare le Olimpiadi di Mosca del 1980.

Giulietto Chiesa

Per lungo tempo, a Mosca mise radici con la sua compagna, Fiammetta Cucurnia, facendo le corrispondenze per varie testate giornalistiche e televisive, Repubblica, La Stampa, Tg1, Tg3, Tg5. E sulla realtà russa  aveva scritto molti libri, aveva raccontato la fine dell’Unione Sovietica,  l’ultimo libro che parla di Russia è  Putinfobia che risale al 2016.

Nel 2001 aveva pubblicato G8-Genova, e proprio insieme all’amico Vauro, il best-seller Afghanistan anno zero.

Giulietto Chiesa prima di essere un giornalista, era stato un politico; aveva militato nel Partito Comunista Italiano. Era entrato nella Fgci nel 1975, quando era studente a Genova. Sempre a Genova era stato eletto capogruppo nel consiglio provinciale e nel 2003  al Parlamento Europeo dove aveva aderito al gruppo del Pse da indipendente.

Un ricordo arriva dalla collega giornalista Teresa Tacchella, anche lei valborberina:

Ricordo il cronista lucido  e umano, di una sensibilità straordinaria, che tanto ha dato per aiutarci a capire realtà solo apparentemente lontane, segnate dalla sofferenza. I più deboli avevano voce e il suo impegno contro le guerre e in difesa della nostra costituzione ci mancherà tantissimo”.

(Foto: Dino Ferretti)