Al Forte di Gavi e a Libarna antica due eventi legati alle Giornate europee del patrimonio e all’Anno del cibo italiano oggi, sabato 22 settembre, e domani. Nella fortezza gaviese nuovo appuntamento con la rassegna Dentro l’arte. “Vino e Arte” è il titolo del convegno in programma oggi dalle 11 alle 13 nella sala conferenze. “L’iniziativa – spiega la direttrice del Forte, Annamaria Aimone – si svolge nell’ambito di un indirizzo esplicito della direzione verso una vocazione alla promozione artistica ed enologica del territorio gaviese, che ha dato vita a Forte di Gavi alla mostra d’arte contemporanea “Ad occhi chiusi“, con le opere di Nino Ventura”. Interverranno Rosmary Pirotta, presidente della commissione Cultura-Eventi del Forte di Gavi, “creata – spiegano dal Polo museale del Piemonte – per rivalutare un bene storico, patrimonio culturale dell’intera collettività, affinché questo possa inserirsi in circuiti nazionali e internazionali diventando vera risorsa e traino turistico e ambientale”. Fra gli altri relatori, Roberto Ghio, presidente del Consorzio tutela del Gavi; Annamaria Aimone, direttrice del Forte; Nicolas Ballario, critico d’arte; Sabina Piacenti, del gruppo ThinkSerravalle; Armando di Raimondo, storico del territorio, e Nicola Galleani D’Agliano, presidente degli Amici del Forte.

La mostra “Ad occhi chiusi” nel Forte di Gavi

Sarà anche l’occasione per ammirare le opere di Ventura: la mostra è aperta fino al 29 settembre anche in altre location: Serravalle Designer Outlet a Serravalle Scrivia; Villa Sparina a Monterotondo di Gavi; Tenuta La Marchesa di Novi Ligure;Villa Broglia a Gavi;Palazzo Reggio-Gropallo, sempre a Gavi; Palazzo Ghilini, ad Alessandria. A Libarna antica, a Serravalle Scrivia invece, oggi si celebrano la nocciola e il Bacio di Libarna. Alle 16, nella sala conferenze, il convegno “Appunti di Archeobotanica. Raccolta e consumo di nocciole nel Norditalia durante l’antichità”, con Daniele Arobba del Museo Archeologico del Finale. Alle 17 Anna Ferrari, studiosa dell’antichità classica e saggista, parlerà sul tema “La pianta della felicità: la nocciola nel mondo romano”. Seguirà la presentazione del Bacio di Libarna”, prodotto dolciario a base di nocciola preparato dalla Pasticceria Carrea di Serravalle Scrivia, che sarà degustato insieme ai vini Terre di Libarna Timorasso Doc e Terre di Libarna Spumante Doc “Lüsarein” dell’azienda vinicola Poggio di Vignole Borbera. Domani visite guidate dalle 15 e gran finale alle 17 con il concerto musicale del gruppo Taurus Brass Ensemble.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCastelnuovo Scrivia. In carcere il “campione del mondo” di coltivazione di cannabis
Articolo successivoAr.Qua.Tra 2018, tra artigianato e ricette della tradizionale locale