Principe Bestia
«Il Principe bestia», della Compagnia Oltreilponte Teatro di Torino

 

Nella ricorrenza del Giorno della memoria delle vittime dell’Olocausto, venerdì 25 gennaio, alle 17,30, in biblioteca, Paolo Mazzarello presenta il suo libro «Quattro ore nelle tenebre» che ricostruisce episodi drammatici delle vicende che si svolsero in provincia. L’incontro è organizzato dall’assessorato alla Cultura e dall’Anpi di Tortona. Il libro parla di Lisa Vita Finzi ed Enrico Levi, zio del futuro scrittore Primo. Fuggiti da Genova allo scoppio della guerra, dopo l’8 settembre capiscono di non essere più al sicuro tra le mura del palazzo dei Martinenghi dove si erano trasferiti all’inizio del 1941. Con una coppia di amici cercano rifugio a Lerma nell’antico santuario della Rocchetta, dove da qualche anno è approdato uno strano prete, don Luigi Mazzarello, che pur portando lo stesso cognome, non è parente dell’autore del libro. Intelligente, affascinante e dal passato turbolento, don Luigi riuscirà con abilità a resistere alle intimidazioni dei nazifascisti e a salvare la vita dei suoi protetti ebrei, mentre nei monti circostanti infuria una delle peggiori stragi nazifasciste del nostro Paese, l’eccidio della Benedicta, che portò all’uccisione di 147 partigiani e alla deportazione in Germania di molti altri giovani.

 

Fino al 10 marzo, al museo diocesano di Tortona, «I Boxilio, una famiglia di pittori tortonesi tra ‘400 e ‘500», piccola esposizione dedicata ai Boxilio, una famiglia di pittori originari di Castelnuovo Scrivia, attivi tra la fine del ’400 e gli inizi del ’500. Nella fiorente fiorente bottega tortonese operarono due fratelli, Manfredino e Beltramo, e nella stessa si formarono i loro rispettivi figli, Franceschino e Giovanni Quirico, entrambi documentati sino al 1522. Saranno esposte altre opere particolarmente significative: il polittico recentemente recuperato di proprietà della Parrocchiale di Carbonara Scrivia, il trittico di Pozzolo Formigaro, firmato da Franceschino nel 1507, eseguito per la chiesa della Trinità di Pozzolo, attualmente di proprietà della Provincia di Alessandria, normalmente custodito nel salone di ricevimento di Palazzo Ghilini, e il grande polittico della Visitazione firmato nel 1503 da Giovanni Quirico, oggi conservato nella quadreria dell’Ospedale di Vigevano, non facilmente visibile. E’ aperta sabato e domenica dalle 15,30 alle 18,30 (altre aperture su prenotazione: 0131 816609 – 0131 1922731, [email protected]).

 

Sabato 26 gennaio, alle 17,30 nella sala convegni della Fondazione CR Tortona, in via Emilia 168, Tortona360, Circolo del Cinema (film & video) e Cinema Megaplex Stardust Official Tortona, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona presentano: Tortona Cinema Horror «Plasmare i confini del reale: il cinema di David Cronenberg». Riflessioni a cura di Emanuela Martini, direttore del Torino Film Festival, e Nicola Santagostino di Tortona 360. Ingresso libero.

 

Sabato 26 gennaio il liceo Peano di Tortona apre le porte agli alunni di terza media e alle loro famiglie per presentare la propria offerta formativa. Dalle 15 alle 18 studenti e famiglie avranno a disposizione la consulenza di docenti e alunni per ciascun indirizzo, ma anche il personale di segreteria per completare l’iscrizione online. Novità di quest’anno, «Assaggia Peano»: sarà possibile assistere a lezioni di alcune discipline di indirizzo, per assaporare la situazione reale di una mattinata in classe al liceo.

 

Sabato 26 e domenica 27 gennaio, nella galleria del centro commerciale Oasi di Tortona, quinta edizione della fiera degli sposi «Wedding Dreams», dedicata a tutti gli sposi ma non solo. Tutto quello che può servire per organizzare al meglio una festa: il matrimonio in primis ma anche comunioni, compleanni e altri momenti di gioia da condividere con familiari e amici. Atelier di abiti per la sposa e lo sposo, abiti da cerimonia, bomboniere artigianali, ristoranti e professionisti del catering, esperti di composizioni e addobbi floreali, professionisti delle foto e dei video, auto d’epoca.

 

Per la rassegna di teatro di figura «Assoli» organizzata dall’Associazione Peppino Sarina di Tortona, domenica 27 gennaio, alle 16,30, al Teatro Civico, in collaborazione con la delegazione Fai di Tortona, «Il Principe bestia», della Compagnia Oltreilponte Teatro di Torino, di e con Beppe Rizzo, tratto da «Le piacevoli notti» di Giovanni Francesco Straparola, novella popolare italiana del 1550. Teatro di narrazione con grandi pupazzi, figure e canzoni originali dal vivo nell’ambito del progetto «Fiaba Popolare Italiana». E’ la storia di un principe che, per un incantesimo pronunciato da tre fate, invece di nascere come tutti gli altri bambini, viene al mondo sotto forma di porcello. Tornerà umano solo dopo che avrà ricevuto il bacio di una sposa. In scena un narratore che, circondato da pupazzi e figure, restituisce vita a un racconto antico che ruota attorno a un tema sempre attuale: l’essere sé stessi nonostante le apparenze. Ingresso 4 euro Alle 14,30, a Palazzo Guidobono, laboratorio con il maestro Natale Panaro per realizzare la maschera del porcellino (iscrizione al numero 3426152605, costo 7 euro). Info spettacoli 3458906531, [email protected]