Il Comune ancora in aiuto dell’asilo Principe Oddone.

Contributo di 4 mila euro alla scuola materna, sempre in difficoltà in attesa di diventare statale a partire dall’anno scolastico 2022-23.

0
178

L’amministrazione comunale di Gavi va ancora in aiuto dell’asilo Principe Oddone. L’unica scuola materna del paese è sempre in gravi difficoltà economiche, peggiorate con la pandemia, per questo ha chiesto una mano al Comune. Con l’insediamento del sindaco Carlo Massa e della sua giunta l’atteggiamento verso il Principe Oddone è radicalmente cambiato: negli anni le precedenti amministrazioni targate Albano avevano ridotto a zero i contributi comunali, che un tempo ammontavano a 13 mila euro. Alla base di questa scelta, ufficialmente, c’erano le indicazioni della Corte dei conti, che avrebbero impedito erogazioni di questo genere da parte del Comune. Sarebbe bastata però una convenzione tra il Comune e l’asilo, come avviene in tante altre realtà ma Albano & C non ne hanno mai voluto sapere.

Il sindaco, Carlo Massa

Nei mesi scorsi la nuova amministrazione aveva scoperto nel bilancio 13 mila euro arrivati quattro anni fa dalla Regione destinati alle scuole materne ma mai erogati al Principe Oddone. Situazione sbloccata in poco tempo. Ora la giunta comunale ha deciso di aiutare ancora l’asilo con un contributo straordinario di 4 mila euro poiché, si legge nella delibera, svolge “una funzione pubblica di carattere educativo e sociale come unica scuola materna del Comune”. L’amministrazione comunale si sta intanto interessando per portare a termine l’operazione di passaggio del Principe Oddone sotto lo Stato, unica strada per salvare l’istituto. L’asilo potrebbe diventare statale dall’anno scolastico 2022/2023. A breve, come spiega il presidente, Massimo Mazzarello, si cercherà di concludere la convenzione con il Comune per il servizio mensa per le scuole.