Matteo Tarditi, Sofia Falchetto e Davide Morando
Matteo Tarditi, Sofia Falchetto e Davide Morando

Il cortometraggio «Sam Body», scritto e prodotto dai tortonesi Sofia Falchetto, Matteo Tarditi e Davide Morando (che è anche il regista), sarà proiettato al Megaplex Stardust di Tortona, la città che ha visto nascere e svilupparsi il progetto, mercoledì 4 luglio, alle 21.

Seguirà un dibattito con gli autori, che presenteranno anche il nuovo corto in lavorazione. La serata sarà presentata dagli speaker della trasmissione radiofonica Goltender, Marco Pagano e Alessandro Alù.

SAM BODY LOCANDINA_1«Sam Body», girato interamente a Tortona e dintorni e dedicato a tutti gli scrittori indecisi in cerca della loro storia, ha avuto ampia risonanza ai festival di settore.

«Dopo la proiezione, che dura 12 minuti – dice Sofia Falchetto -, saremo disponibili per rispondere a eventuali domande del pubblico, svelando alcuni retroscena del film. Parleremo poi del nuovo film in fase di lavorazione dal titolo «Che questo piano perfetto sia solo per lei», che gireremo sempre a Tortona a inizio settembre e che parla del rapporto tra due sorelle – la cui madre non è autosufficiente e ha bisogno delle loro cure – in un momento delicato della loro vita. La serata è a ingresso gratuito. All’uscita ci sarà la possibilità di lasciare una offerta per chi volesse contribuire alla realizzazione di questo progetto e, per tutti, un piccolo gadget come ricordo della serata».
«Che questo piano perfetto sia solo per lei» è la storia di Margherita e Caterina, che hanno scelto di avere priorità diverse nella vita. Si ritrovano in un luogo simbolo della loro infanzia in un momento in cui il loro rapporto cambierà per sempre: a una di loro infatti viene offerto un lavoro in Australia e decide di partire e coronare il suo sogno, ma dovrà dirlo all’altra.

«L’idea è di Gaia Gunetti – dice Sofia Falchetto – che lo ha scritto insieme a me e a Matteo Tarditi, mentre Davide Morando questa volta si occupa solo della regia. E’ un corto di dieci minuti e lo gireremo in un bosco sopra Mombisaggio, scelto anche per un scena di Sam Body».

«Sulla sceneggiatura – aggiunge – è stato fatto un lavoro di estrema analisi per spiegare il momento descritto nel modo più essenziale e delicato possibile. La scena si svolge tutta nello stesso luogo, un bosco nei dintorni di Tortona. Abbiamo tenuto molto ad ambientare la storia nei nostri luoghi d’origine, sia perché la scelta di Margherita rispecchia la situazione di noi ambiziosi ragazzi di provincia, costretti ad allontanarci da casa per fare esperienze importanti per il nostro futuro, sia perché, al tempo stesso, siamo legati a questi luoghi e vogliamo provare a tenere vivo il cinema anche da queste parti».

Sofia Falchetto ha 24 anni, è di Pontecurone e si è laureata al Dams di Torino, mentre Tarditi e Morando hanno 24 anni e sono di Tortona: il primo studia Scienze motorie all’Università di Pavia, il secondo monta trailer per Paramount Channel.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCabella in fiore accoglie i giudici europei
Articolo successivoCitati in giudizio in 26 per la lotta in solidarietà ai braccianti del 2012