Il Forte si illumina di rosa per la prevenzione dei tumori al seno.

La fortezza colorata come il municipio gaviese. Alla campagna della Lilt ha aderito anche il Comune di Novi Ligure.

0
331
(foto Distretto del Novese)

Il più imponente dei monumenti del territorio novese, il Forte di Gavi, da alcune sere è illuminato di rosa. L’iniziativa fa parte della Campagna Nastro Rosa, promossa in Italia dalla Lega Italiana per la Lotta contro i tumori (Lilt), giunta alla ventisettesima edizione. È la prima volta che la fortezza costruita dai genovesi prende parte a questa campagna, così come il Comune di Gavi. Dopo le elezioni del 20 e 21 settembre la nuova amministrazione comunale ha deciso di aderire a questo tipo di iniziative, decidendo di illuminare con lo stesso colore anche il municipio di via Mameli.

Il municipio di Gavi illuminato di rosa

“L’obiettivo – spiegano dal Distretto del novese – è sensibilizzare le donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella, prevenzione trascurata recentemente a seguito dell’emergenza sanitaria da COVID-19. Le forze di tutte le 106 associazioni LILT sono impegnate a diffondere, con tutti i mezzi comunicativi, la cultura della prevenzione del tumore al seno e più in generale dei tumori femminili”. Da quest’anno, grazie alla collaborazione tra la Lilt e l’associazione nazionale dei Comuni (Anci) si è arrivati a illuminare in rosa le sedi istituzionali dei Comuni e non solo, come nel caso gaviese. Hanno aderito alla campagna di prevenzione il Comune di Gavi e il Comune di Novi Ligure.