Riceviamo da Massimiliano Schilirò:

A fine 2018 ho concluso la fase “zaino in spalla” della mia vita da “Massi on the road”: in totale ho viaggiato per un totale di tre anni tra Sud America, India, Etiopia e Sudafrica. Da inizio 2019 vivo e lavoro a Sampierdarena, nella Comunità “Casa Don Bosco” per Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA). Il nuovo impegno, a stretto contatto con degli adolescenti stranieri che sono arrivati in Italia senza famiglie e figure di riferimento, ha assorbito buona parte delle mie energie. Nonostante ciò, sono riuscito a proseguire l’attività di raccolta fondi che ha caratterizzato le pause tra una tappa e l’altra del giro del mondo. Ho promosso i miei libri (in particolare l’ultimo – “Massi on the road in Sudafrica e Lesotho”), ho incontrato gli alunni di varie scuole e ho coinvolto amici e conoscenti con l’obiettivo di finanziare un progetto visitato in Etiopia a novembre 2018. Si tratta del Centro Don Bosco di Mekanissa, un quartiere periferico della capitale Addis Abeba. Qui i Salesiani hanno un’opera enorme, che dà l’opportunità di studiare (scuole dall’asilo alle superiori) e di divertirsi (oratorio) a migliaia di bambini.
Ricordo ancora le ore trascorse a giocare con i più piccoli, vivacissimi e affettuosi. Tanti provengono da una zona molto povera, a ridosso dell’enorme discarica di Koshe, con cumuli di spazzatura alti come colline. Proprio qui, nel marzo del 2017, forti piogge provocarono una frana con conseguenze tragiche: una montagna di rifiuti travolse le case, provocando decine di morti.

Un missionario italiano, Br. Donato, da anni si prende cura di centinaia di bambini di questo quartiere povero, sostenendoli nel loro percorso prima scolastico e poi lavorativo. Il salesiano trascorre tutta la giornata con i suoi giovani, dedicando anima e corpo al loro sviluppo. Alcuni volontari, sia italiani sia austriaci, lo affiancano in questo lavoro immane. Conoscendo queste meravigliose persone, avevo preso subito la decisione di sostenere il progetto. A distanza di quasi un anno sono riuscito nell’intento: il 20 settembre ho effettuato un bonifico di 3000 euro a favore VIS – Volontariato Internazionale per lo Sviluppo. Questa ONG salesiana si occuperà di trasferire la somma, insieme ad altre donazioni destinate allo stesso progetto, all’inizio di ottobre. In questo modo tra poche settimane Br. Donato e i suoi collaboratori avranno alcune risorse in più per sostenere tanti giovani nel loro cammino. Aiutare i bisognosi “a casa loro” (con le donazioni), aiutare gli stranieri “a casa nostra” (con il mio lavoro), condividere i miei valori negli incontri da volontario (con italiani giovani e anziani)…non sono per me etichette da apporre su quello che faccio, ma modi diversi ed ugualmente importanti di esprimere l’amore verso il prossimo. Grazie di cuore a chi ha contribuito a sostenere il progetto in Etiopia! La raccolta di fondi non si ferma e a breve annuncerò una presentazione a Gavi. Maggiori informazioni:  http://massiontheroad.wordpress.com

CONDIVIDI
Articolo precedenteTorna lo scuolabus e Carbone attacca: “Il comitato dei genitori non serviva”.
Articolo successivoSciopero di un’ora per la morte dell’operaio a Carrega Ligure.