Castelnuovo Scrivia è in festa per la patronale di San Desiderio con il clou degli appuntamenti previsto per lunedì 26 agosto, quando verranno sparati i fuochi dalle rive del torrente Scrivia, una dimostrazione pirotecnica aerea sempre apprezzata da migliaia di visitatori. E da ventanni curati dall’abile regia della Firework’s Parente di Melara Po già organizzatrice del campionato mondiale di fuochi e reduce da numerosi spettacoli internazionali e dall’aver curato in esclusiva tutti gli effetti pirotecnici del tour di Vasco Rossi. Un sodalizio, quello tra il comune di Castelnuovo Scrivia e la ditta veneta stretto dalla professionalità che ogni anno i pirotecnici di Remo Parente dimostrano in Bassa Valle Scrivia.

Si parte sabato 24 agosto con l’inaugurazione, alle 21, di una rassegna artistica nel castello e a seguire nella piazza medievale l’orchestra di Luca Frencia.

Domenica 25 giornata piena per le istituzioni con la messa al mattino e la processione sino all’arco di via Roma con il busto del Santo in pellegrinaggio e la banda musicale. Nel pomeriggio il mercato ambulante, la possibilità di alcune visite guidate con partenza da Palazzo Centurione alle 16, il triangolare di calcio al “Beppe Spinola”. Dalle 16,30 saranno gli artisti della “Bandarotta Fraudolenta” ad animare la giornata con la loro irresistibile musica itinerante mentre in piazza, dalle 21,30, palco e pista da ballo per “Marco Zeta, Gigi Chiappin e l’orchestra del Cuore”. l lunedì dei fuochi sarà la giornata più impegnativa con lo spettacolo in calendario alle 21,45 e in piazza la musica esplosiva dei “Divina”. All’area industriale il Summer Jam Music Festival, una serata con Dj di fama nazionale. Martedì, nel pomeriggio il “Memo Ricky” al campo sportivo per una festa che durerà sino alla sera.

 

LA PIAZZA

È il cuore degli spettacoli,  un salotto d’epoca, stile medievale, la piazza di Castelnuovo Scrivia: una vera e propria cartolina dal centro-zona della Bassa Valle Scrivia. Il comune di Castelnuovo conta circa 5300 abitanti ed è molto noto in provincia di Alessandria per la vivacità delle sue molteplici iniziative ludico-culturali. Varcato il “voltone” di via Solferino, lo sguardo del turista si imbatte nella magnificente facciata della Collegiata Santi Pietro e Paolo; dall’altro lato si trova il castello – l’antico palazzo pretorio di periodo tardo-romanico -, la cui torre domina la piazza da un’altezza di ben 39 metri. Questa torre, per decenni, è stata la scenografia ideale per uno spettacolo davvero unico che vanta un’antica tradizione, tutta castelnovese: si tratta dei “fuochi d’artificio” di Castelnuovo, “sparati” fino al 1957 dalla centralissima piazza Vittorio Emanuele II.

 

LUNEDI’ I FUOCHI NEL SOLCO DELLA TRADIZIONE DELLA FAMIGLIA CASTELNOVESE BELTRAME

La loro storia e l’artigianato pirotecnico esportato in tutta Italia

Lunedì 26 agosto l’appuntamento più sentito: alle 21,45 in località ponte Scrivia la Firework’s Parente di Melara Po organizzatrice del Campionato Mondiale dei Fuochi di Artificio presenta un grandioso spettacolo pirotecnico aereo e a seguire Marco Zeta, Gigi Chiappin e l’orchestra del Cuore suonerà in piazza mentre all’area industriale saranno i giovani del Summer jam a dare il benvenuto alla notte.

LA STORIA DEI FUOCHI

Il merito di aver reso famosi i fuochi di Castelnuovo a livello nazionale va alla creatività e alla professionalità della famiglia Beltrami che, per un secolo, ha operato con successo in tutta l’Italia settentrionale, avendo in particolare l’esclusiva per la Riviera Ligure di Ponente, il Novarese e la zona dei laghi. E a Castelnuovo, naturalmente, paese d’origine dei Beltrami, venivano riservati i fuochi più belli e le ultime novità.
Il fondatore fu Giovanni Beltrami, proprietario di un laboratorio di tessitura ma con la passione della pirotecnia: egli dedicava infatti il suo tempo libero a preparare i “fuochi” per le festicciole di paese.
Nel 1860 Giovanni cambiò definitivamente attività fondando la ditta che il figlio Demetrio fece conoscere in tutto il circondario. Nel 1964 sarà Ercole Beltrami, all’età di 72 anni e privo di figli, a cessare l’attività e a chiudere un’epoca, anche perché le nuove disposizioni stabilivano che la fabbrica, trovandosi a ridosso di una strada provinciale – quella per Molino dei Torti – doveva essere spostata.
Innumerevoli gli attestati, i diplomi, i premi vinti dalla ditta Beltrami nelle gare pirotecniche, in particolare nei fuochi bassi: ultimo in ordine di tempo quello di Italia 61, dove, a conclusione di lunghe eliminatorie, si classificò prima assoluta.
Un tempo gli spettacoli pirotecnici venivano sparati dalla piazza di Castelnuovo e chi non lo ha vissuto non può capire il fascino che suscitava nella gente addossata alla facciata della chiesa, che si accalcava con ore di anticipo per non restare fuori dalla piazza. Affascinavano gli spettatori con i fuochi aerei, ma soprattutto i Beltrami non avevano rivali nelle “ruote”, ora quasi scomparse.
Particolarissime alcune girandole: i ciclisti “Coppi e Bartali”, i cui profili, la pedalata, il vorticare delle ruote, le gocce di sudore, venivano resi dal luccichio delle scintille delle scie; lo “Sputnik” che veniva lanciato e finiva con il ruotare intorno alla Terra; la stella a cinque punte che si trasformavano in girandole; il “ventaglio” che si allargava divenendo una fontana, la “corrida” con tanto di torero e toro; il “ginnasta” alla sbarra; le cascate luminose che scendevano dai finestroni della torre che venivano accese, poco prima della fine, da una colomba che attraversava la piazza.
L’ultima esibizione in piazza venne effettuata nel 1957, quando Ercole Beltrami, avvalendosi delle nuove disposizioni di sicurezza, si trasferì sulle rive dello Scrivia, scelta più che oculata vista la rapidità con cui le scie scendevano verso la piazza gremita da migliaia di persone.

 

PER IL LUNEDI’ DEI FUOCHI UNA ZONA ROSSA, IL DIVIETO DI TRANSITO E DI VENDITA BEVANDE IN VETRO

Lo spettacolo pirotecnico aereo, i fuochi,che si terrà lunedì 26 agosto alle ore 21,45 è classificato come un evento di particolare attenzione per la sicurezza. Per il richiamo del pubblico (ogni anno le presenze superano 15 mila unità), per la tradizione dello spettacolo che solo nel paese della Bassa Valle Scrivia a livello regionale e oltre vanta oltre cent’anni di spari.

ACCESSO DA SALE E GUAZZORA VIETATO DALLE 20,45

Il transito sul ponte per chi proviene da Sale e Guazzora o dalla circonvallazione, per tutti i mezzi motorizzati, sarà vietato dalle ore 20,45. All’inizio del ponte sullo Scrivia, in zona cippo Bandello, un mezzo semovente impedirà qualsiasi passaggio. La zona rossa sarà quella che comprende il ponte e parte della circonvallazione dall’arco di via Roma sino all’incrocio semaforico per Tortona. Sempre dalle 20.45 sarà chiusa al traffico. Chi arriva da Alzano e Molino dovrà girare a sinistra e non potrà accedere alla zona mentre chi proviene da Tortona a destra verso la parte opposta del paese. Le macchine che saranno parcheggiate potranno rimanerci ma non essere mosse su quel tratto di strada sino a un’ora dopo il termine dello spettacolo. Al centro del paese saranno limitati gli accessi.

DIVIETO VENDITA VETRO E BEVANDE

Per tutti i giorni della festa, da sabato 24 al 31 agosto, ovvero nei giorni in cui è programmato un evento inserito nel calendario della festa patronale è in vigore la seguente prescrizione dalle ore 18 sino a un’ora dopo il termine della manifestazione

1)        Ai titolari di pubblici esercizi su tutto il territorio comunale, ai venditori ambulanti di alimenti e bevande il DIVIETO di vendere bevande da asporto, anche analcoliche, in contenitori di vetro, lattine, bicchieri di vetro o contenitori di qualunque materiale chiusi (vanno quindi versati in bicchieri di carta/plastica oppure deve essere tolta la linguetta alla lattina o il tappo alla bottiglietta di plastica)

2)        Per chiunque il divieto di introdurre nelle aree di Piazza Vittorio Emanuele II, Zona Scrivia e lungo le vie ove saranno presenti operatori ambulanti Via Gramsci, via XX Settembre, via Solferino, via Dante, qualunque bevanda, anche analcolica, in bicchieri o bottiglie di vetro, lattine o contenitori chiusi di qualunque materiale  (ammesse lattine senza linguetta, bottiglie di plastica senza tappo, no vetro)

 

LA CHIUSURA  DEL SUMMER JAM MUSIC FESTIVAL

SPECIAL GUEST I DJ: EDMMARO e KHARFI

Come lo scorso anno, la giornata conclusiva del Summer Jam si terrà a Castelnuovo, lunedì 26 agosto, nella notte più bella, quella dei fuochi. In area industriale sarà allestita una speciale scenografia per un Music Festival d’eccezione. Tra i Dj due gli ospiti: EDMMARO e KHARFI. Edmmaro è diventato virale in tutta la penisola grazie ai suoi Mashup, suonati e risuonati in tutti i Club, è stato protagonista sui palchi dei più importanti festival nazionali, uno su tutti il Nameless Music Festival, dove lo scorso giugno ha dominato la scena del mainstage. EDMMARO fonde i sound più attuali della musica bass e elettronica con fenomeni trash, meme e classici della musica internazionale e italiana senza distinzione di generi. KHARFI, invece, è uno dei dj/producer italiani più promettenti nella scena bass/edm. Proveniente da Sesto San Giovanni, nato e cresciuto in Italia da padre marocchino e madre italiana, nelle produzioni osa e sperimenta, influenzato dai sound moombah, trap e hip hop. Il 2016 per lui inizia nel migliore dei modi: la traccia “Nke Na We”, realizzata insieme al suo team Dopesquad, viene presentata in anteprima da Big Fish all’interno di Diplo & Friends su BBC Radio 1Xtra. Il singolo esce l’8 marzo 2016 per Doner Music all’interno della compilation Doner Bombers Vol. 4.

Dopo vari free download, in primavera esce in streaming su Soundcloud “Hei bae” riscuotendo fin da subito un grande successo. Il singolo esce ufficialmente a giugno su label Ego ed è accompagnato da un videoclip ufficiale girato a Brighton.L’estate 2016 vede anche altre uscite di prestigio: “I can feel this”, il remix ufficiale di “Inside Out” per i The Chainsmokers, due remix ufficiali col progetto DopeSquad: “Il triangolo sì” di Fabri Fibra e “Burn Babylon” di Retrohandz & Big Fish, infine un singolo DopeSquad per una delle principali label bass americane che verrà annunciato a breve per il mese di luglio.Classe ’97, ha già suonato su palchi importanti come il Nameless Music Festival e a fianco di nomi di spicco come Vinai, Retrohandz e Aquadrop, ricevendo il supporto anche da artisti internazionali quali Diplo, The Chainsmokers, Don Diablo e Kiesza.

Gli organizzatori hanno vent’anni o poco più e una grande passione in comune: la musica. Sono tre ragazzi con parlantina da vendere e un progetto, il Summer Jam, che si ispira – nel nome – al film americano «Space Jam», dove il protagonista di basket Michael Jordan incrocia la sua vita con personaggi dei fumetti e con il team della Tune Squad. Ecco, riadattando il nome della squadra, Alessio Campioni, Michele Pes, Foued Fguira in team e con l’appoggio dell’Avis di Pontecurone formano la Summer Squad. Insieme, dopo la felice esperienza dello scorso anno, hanno dato il via ad un percorso di intrattenimento che ha già fatto tappa a Pontecurone, Volpedo e arriva ora a Castelnuovo Scrivia per un’esplosiva conclusione.  I giovani organizzatori lavorano tutti in locali notturni dell’Alessandrino e del Pavese e sono concentrati sul creare una serie di eventi all’insegna del sano divertimento.   « Abbiamo unito le forze con la volontà di dar vita a  minifestival a tema musicale – spiegano – . Tra di noi c’è chi è barman, chi dj, chi vocalist, chi è più portato alle pubbliche relazioni e sa muoversi bene nell’allestimento di una manifestazione. I nostri dj set saranno le piazze dei nostri paesi. Funzionerà un  servizio food&drink e naturalmente palco ed impianto sono già caldi».  La prima edizione del Summer Jam unirà quindi la musica al piacere di ritrovarsi e stare in compagnia, chiacchierando e ballando fino a tardi. Appuntamento in area industriale il lunedì dei fuochi dalle ore 23.

 

IN MEMORIA DI RICKY

Martedì 27 agosto, dal pomeriggio in avanti, al campo sportivo Beppe Spinola c’è la terza edizione del Memo Ricky. Un torneo di calcio, la possibilità di consumare una cena veloce e di contribuire a realizzare una nuova proposta di solidarietà che sarà illustrata dagli organizzatori.

 

I GIORNI SUCCESSIVI E IL CONCERTO DI RED CANZIAN

Sabato 31 agosto  la festa dei diciottenni, anche questa una tradizione lunga vent’anni variamente imitata negli altri borghi mentre in Castello andrà in scena una nuova rassegna: “Punti di Vista”. Venerdì 6 settembre il clou con la XX edizione della serata benefica “Franca Cassola Pasquali” e il concerto di Red Canzian. Domenica 8 “La Domenica Sportiva” che giunge alla quarta edizione: in piazza calcio, basket, bocce, boxe, roller, pallavolo, rugby, tennis, giochi di società, scacchi, carte e molto altro, con i Cavalieri e le loro degustazioni per una domenica insieme dalle 10 sino alle 20.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGiulio Campastro, premio alla memoria al Santuario della Guardia di Gavi.
Articolo successivo“La Terra del Carlone”: in una mostra l’arte e la storia di una famiglia di artisti