Il premio Grosso d’Oro 2021 al vescovo emerito Vittorio Viola

La cerimonia è in programma domani, venerdì 1° ottobre, alle 16, nella sala consiliare del municipio.

0
184
il vescovo di Tortona Vittorio Viola

Domani, venerdì 1° ottobre, alle 16, nella sala del Consiglio comunale, in municipio a Tortona, si svolgerà la cerimonia di consegna del premio «Città di Tortona – Grosso d’oro» all’arcivescovo – vescovo emerito della diocesi di Tortona, Vittorio Francesco Viola, che sta per concludere il proprio incarico sul territorio per diventare segretario della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti a Roma.

A monsignor Viola viene riconosciuto, come si legge nel dispositivo della delibera approvata dall Giunta lo scorso 14 settembre, «il valore del servizio svolto per la crescita sociale e culturale della comunità locale; l’impegno profuso, sia personalmente che attraverso i propri collaboratori e le istituzioni ecclesiali, per incoraggiare con la sua parola e sostenere concretamente tutti i tortonesi durante i drammatici mesi della pandemia da Covid-19; il lustro procurato alla città dall’alto incarico pontificio che è stato chiamato a svolgere presso la Curia romana».

«Storicamente il Grosso d’oro è un riconoscimento che viene conferito ai tortonesi, di nascita o di adozione, che abbiano dato lustro alla nostra città con le loro opere – dice il sindaco Federico Chiodi -. Monsignor Viola nel suo, relativamente breve, periodo alla guida della nostra diocesi ha saputo ispirare la nostra comunità e ha stimolato importanti riflessioni con la sua opera pastorale. Personalmente ho trovato grande conforto nella presenza e nelle parole di Padre Vittorio durante i mesi più difficili dell’emergenza pandemica e credo che tutti i cittadini di Tortona possano riconoscere in lui un pastore attento e partecipe. Il suo impegno gli ha portato un riconoscimento dalla Curia papale che, seppure ci priva della sua presenza costante sul nostro territorio, evidenzia non soltanto il valore delle sue competenze, ma anche l’importanza del servizio prestato sul nostro territorio, testimoniato dalla decisione del Santo Padre di mantenere con il titolo di arcivescovo-vescovo emerito il legame con la nostra città».

Padre Vittorio Viola è nato a Biella nel 1965 e fa parte dell’Ordine dei Frati Minori dell’Umbria dal 1991. Nel corso della sua professione religiosa ha conseguito il dottorato in Sacra Liturgia, e ha ricoperto vari incarichi tra cui quello di custode del convento e della basilica di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola, responsabile dell’ufficio diocesano per la Scuola e l’Università e direttore della Caritas della diocesi di Assisi, membro della consulta dell’Ufficio Liturgico Nazionale. Eletto alla sede vescovile di Tortona il 15 ottobre 2014, fa parte della commissione episcopale per la Liturgia della CEI. Ha insegnato Sacra Liturgia presso il Pontificio Istituto Liturgico Sant’Anselmo, l’Istituto Teologico di Assisi. Nello svolgimento del suo nuovo incarico monsignor Viola manterrà il titolo di arcivescovo-vescovo emerito di Tortona.