Il Forte di Gavi sarà il nucleo intorno al quale si svolgeranno, a partire dal 13 maggio, due iniziative parallele nell’ambito del progetto “Gavi Forte di cultura, arte e storia”, presentato giovedì nella fortezza gaviese dalla direttrice Annamaria Aimone (Polo museale del Piemonte) e da Elisabetta Baro e Franco Carapelle dell’associazione Teatro e società. Il simbolo della Val Lemme e cinque paesi limitrofi saranno coinvolti nelle visite guidate teatrali organizzate insieme alle scuole. Il 13 maggio al via “Di paese in paese – I luoghi si costruiscono viaggiando” con la prima tappa a Mornese con il suo castello Doria, poi il 18 a Novi Ligure in via Girardengo, il giorno dopo a Serravalle Scrivia negli oratori, il 20 a Gavi nel Forte e, infine, ad Arquata Scrivia. Un attore interpreterà un Cristoforo Colombo capitato nel futuro per far raccontare la storia e i personaggi locali.

Nicola Galleani con Annamaria Aimone (seduta al centro) e i rappresentanti di Teatro e società

Quattro invece gli appuntamenti teatrali di “Gavi Forte di cultura” nella fortezza il 17 giugno, l’8 luglio, il 12 agosto e il 16 settembre. Gli attori di Teatro e Società, dal mattino al tardo pomeriggio, guideranno i visitatori, con partenze a gruppi programmate ogni ora e mezza, nella visita al Forte “rendendo viva la sua storia, le leggende e i personaggi attraverso un racconto capace di coinvolgere e divertire i partecipanti”. Le notizie storiche e gli aneddoti sono stati raccolti con l’aiuto dell’associazione Amici del Forte, presente giovedì con il presidente Nicola Galleani insieme ai rappresentanti del Comuni di Gavi e Serravalle Scrivia. A maggio si concluderà anche il “Laboratorio per narrare il bene culturale”: “I ventisette iscritti provenienti dal territorio, ma non solo, in gran parte già impegnati in attività di promozione culturale e presso associazioni, stanno completando il corso – spiegano Elisabetta Baro e Franco Carapelle – acquisendo tecniche di base di narrazione teatrale e migliorando le loro abilità nell’animazione culturale anche in chiave turistica”. Per i visitatori della fortezza in programma anche a un concorso fotografico su Instagram.

CONDIVIDI
Articolo precedente“Ciccio e Bebè, ridere da nobili”
Articolo successivo“Salve”le ragazze del Borghetto