Mattinata importante per la comunità serravallese, che si è ritrovata in piazza Caduti di Nassiriya per inaugurare la “Panchina rossa” simbolo del paese amministrato da Alberto Carbone contro la violenza sulle donne. Presente lo stesso sindaco che ha inaugurato l’evento con un breve discorso così come la presidente della Consulta per le Pari Opportunità, Maria Luigia Costante. Grande soddisfazione da parte di questo organo che ha voluto e organizzato l’evento. Apprezzata è stata anche la presenza di Don Francesco Larocca che ha lodato l’iniziativa.

La volontà della Consulta era quella di mettere in atto l’evento a marzo, mese tradizionalmente legato alla donna per la presenza in calendario della festa omonima. Il progetto era stato lanciato nell’ambito delle manifestazioni del 25 novembre, Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

Persone di tutte le età si sono premurate di dipingere la panchina

Finiti i saluti di rito, si è passati all’atto pratico con i presenti che, pennelli in mano, hanno dipinto di rosso la panchina. Nessuno si è tirato indietro, giovani, anziani, figure pubbliche e privati cittadini, ma soprattutto le donne grandi protagoniste di giornata. All’evento anche alcuni studenti del Cnos – Fap e delle scuole medie serravallesi che hanno partecipato attivamente.

Anche i ragazzi delle scuole hanno partecipato all’evento

Una volta ultimato il lavoro, tutti riuniti per le foto di rito e per scoprire la targa appositamente infissa sulla panchina. Su di essa una frase – simbolo della scienziata premio Nobel Rita Levi Montalcini che recita: “Le donne che hanno cambiato il mondo non hanno mai avuto bisogno di mostrare nulla, se non la loro intelligenza”.

Le donne della Consulta delle Pari Opportunità

Anche il luogo non è stato scelto a caso. La panchina si trova in una zona di alto passaggio sia pedonale che di automobili, restando come promemoria perenne di un fenomeno purtroppo ancora troppo lontano dalla sua estinzione.