La notte magica di San Sebastiano

0
2185
ifuochi

Ci luoghi che hanno un potere attrattivo. San Sebastiano è uno di questi, qualsiasi manifestazione venga organizzata in questo paese, probabilmente uno dei più affascinanti delle Terre del Giarolo, è un successo di pubblico. Così è stato ieri sera a “Il Borgo diventa osteria”.

Un mare di persone si sono date appuntamento nelle belle piazze e nei vicoli, dove erano state allestite comode tavolate conviviali; qui le famiglie e gruppi di amici, hanno cenato dopo essersi procurati il cibo preferito, scelto  tra i piatti cucinati in piazza e realizzati rigorosamente con prodotti locali: gnocchi al Montebore, ravioli, salumi, formaggi, vini e persino la birra, ogni cosa artigianale.

Per l’occasione le caratteristiche botteghe sono rimaste aperte, cosi come gli spazi  dedicati all’arte. Ne abbiamo visitate tre: la mostra del pittore neoclassico Felice Giani, che resterà aperta nei fine settimana fino alla Fiera nazionale del Tartufo, che si terrà a novembre; la seconda mostra è “il mondo di Mad”, omaggio a Maddalena Sisto, l’artista delle “signorine filiformi”, giornalista e illustratrice, Mad ha raccontato trent’anni di moda con i suoi schizzi realizzati per Armani, Ferrè, Fiorucci, pubblicati sulle pagine di Vogue, di Elle, del New Yorker. Morta nel 2000 a soli 49 anni, Mad lavorava a Milano, ma la sua casa era San Sebastiano.

L’ultima mostra è quella di Duilio Frascaroli, pittore di Brignano Frascata. La galleria scelta per l’esposizione è un’antica bottega.  L’ambiente è familiare, accogliente, caldo come il sorriso di Giada la nipote di Duilio, che ci accoglie. Giada ci racconta i quadri del nonno e poi si lascia fotografare con il marito, che ha sposato un mese fa.  Tutti i quadri reperibili, (Duilio li regalava a chissà chi), saranno visibili on line. L’arte è anche musica, tre gruppi di musicisti dislocati a debita distanza per non sovrapporre le note, hanno suonato per l’intera serata, contribuendo a creare la giusta atmosfera della festa.

E infine i fuochi che hanno colorato il cielo nella notte di San Sebastiano. Qui di seguito il resoconto fotografico del nostro percorso della festa.