Le Giornate Europee del Patrimonio nell’Area museale di Libarna.    

0
42

Il sito dell’Area museale di Libarna, situato nel Comune di Serravalle Scrivia,  aderisce sabato 24 e domenica 25 settembre alle GEP – Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days), manifestazione che prevede aperture straordinarie e iniziative in tutti i musei e luoghi della cultura italiani quest’anno dedicato al: “Patrimonio culturale sostenibile: un’eredità per il futuro”.

Il titolo del tema riprende lo slogan europeo “Sustainable Heritage”, scelto dal Consiglio d’Europa e condiviso dai Paesi aderenti alla manifestazione, ampliandolo con una riflessione sul patrimonio culturale come eredità per le generazioni future.  “Una tematica di grande attualità, che riguarda la gestione sostenibile del patrimonio culturale e del paesaggio e, allo stesso tempo, su come questo possa contribuire a un futuro più sostenibile da un punto di vista ambientale, sociale ed economico”.
Nell’area museale sono esposti al pubblico alcuni reperti provenienti dalle prime esplorazioni della città romana di Libarna nel XIX secolo, confluiti poi nella collezione del canonico Don Giovanni Francesco Capurro (1810-1882) affidata in comodato d’uso al Comune dall’Accademia Filarmonico Artistica-Letteraria di Novi Ligure. Sono inoltre visibili altri materiali archeologici della collezione costituita dallo erudito e scultore genovese Santo Varni (1807-1885) , acquisiti dall’Amministrazione comunale insieme ai diari dello scultore, e altri reperti di proprietà statale.

Il programma: La giornata di sabato è dedicata anche ai bambini che,  dalle  15.00 alle 18.00,grazie ai volontari  di Libarna Arteventi, potranno scoprire il fascino dell’antica città romana di Libarna attraverso il personaggio di “Ambrosina”, una bambina vissuta  nel primo secolo d.C.

Domenica 26 settembre l’orario di apertura è sempre dalle 15.00 alle 18.00  con visite guidate a cura degli archeologi e del personale della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo.