“L’Ilva deve avere un futuro”. Gli amministratori piemontesi chiedono un incontro con Di Maio

0
241
Lo stabilimento Ilva Novi

Lo stabilimento Ilva di Novi deve avere un futuro per il benessere delle famiglie dei lavoratori e per il tessuto economico della città”. Così il Sindaco Rocchino Muliere che insieme al suo omologo di Racconigi, Valerio Oderda ha appoggiato la richiesta del presidente della Regione, Sergio Chiamparino  di un incontro con il ministro del Lavoro Luigi Di Maio per discutere sulla complessa situazione relativa al gruppo Ilva.

Certi di poter portare un contributo alla discussione sul futuro dell’azienda e dei lavoratori – si legge nella missiva – la Regione Piemonte e le Amministrazioni comunali di Novi Ligure e Racconigi chiedono di essere convocate con gli altri enti locali agli incontri del tavolo aperto sulla delicata vicenda”.

Siamo molto preoccupati – commenta il Sindaco Rocchino Muliere – l’Ilva è un azienda strategica e vitale per la nostra Nazione, per il territorio piemontese e, naturalmente, novese. Personalmente credo che l’Italia non possa fare a meno della siderurgia e che l’Ilva non vada chiusa. Mi auguro – conclude Muliere – che l’incontro possa fare chiarezza sulla vicenda della cessione del gruppo e sui necessari investimenti per il risanamento ambientale ed il rilancio dell’azienda siderurgica”.