Da gennaio 2019 vivo a Genova e la mia vita è cambiata profondamente: dopo tanti anni “on the road” ho appeso lo zaino al chiodo, almeno per un lungo periodo. Mi sono impegnato al massimo nel mio nuovo lavoro da mediatore culturale in una comunità per Minori stranieri non accompagnati. “Casa Don Bosco” a Sampierdarena è diventata sia il posto di lavoro, sia la mia abitazione, sia la mia famiglia. Anche se ho trascorso la maggiore parte del tempo a Genova, appena ho potuto mi sono ritagliato un fine settimana o anche solo una giornata a Gavi per venire a trovare i miei genitori, parenti e amici. Dopo un’estate meravigliosa, l’autunno è stato finora molto difficile, soprattutto a causa del maltempo che ha generato tantissimi disastri. Alle avverse condizioni meteorologiche si è aggiunta, a Gavi, la tragedia per la morte di un compaesano, Matteo Gastaldo, vittima di un assurdo crimine insieme a due suoi colleghi vigili del fuoco. Pur conoscendolo solo di vista mi unisco al cordoglio di tutta la comunità e ricordo con affetto e rispetto una persona valorosa che ha dedicato la sua vita agli altri. Nonostante le difficoltà, è importante guardare con entusiasmo e positività al futuro, visto che stiamo entrando nella stagione natalizia, un periodo di gioia e condivisione.

Massi on the road a Tromso

Quindi continuo a fare ciò che mi viene meglio: incontrare la persone. Nell’ormai lontanissimo aprile del 2013 ho raccontato per la prima volta i miei viaggi a Gavi, nella sala del circolo parrocchiale. Da allora ho dedicato ai miei compaesani tantissime presentazioni: tre a teatro, tre presso “Fuoriclasse”, cinque alle scuole elementari, due alle scuole medie, numerose volte con i ragazzi del catechismo, ecc. Sento un rapporto di profondo affetto per il mio paesello, dove ho trascorso un’infanzia e un’adolescenza felici. E che è rimasto una base sicura anche nella mia vita da adulto. Per questo motivo voglio presentare a Gavi alcune esperienze che finora non ho condiviso da nessuna parte: il mezzo anno trascorso in Norvegia, il mese di viaggio in Etiopia e l’attuale lavoro a Genova. Per l’occasione si torna al circolo e ringrazio già adesso Angela e l’AVIS per l’organizzazione e Carlo per lo splendido volantino. Vi prego di condividerlo con le persone che potrebbero essere interessate. Chi non riesce a partecipare ma è interessato a regalare qualcosa di bello (racconti di viaggio, volontariato, ricerca personale) a qualcosa di buono (raccolta di donazioni per ragazzi di strada) ha l’opportunità di comprare i miei libri a prezzo scontato contattandomi su Facebook o per email ([email protected]) https://massiontheroad.wordpress.com/ https://www.facebook.com/massiontheroad4ever/

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa petizione pro traffico resta top secret: “C’è la privacy”.
Articolo successivoCit: dopo il capostazione incompatibile ecco l’imprenditore dell’autotrasporto.