Mozione contro Bardone dopo l’aggressione a Bottiroli

I gruppi di minoranza vogliono sfiduciare il sindaco per il suo silenzio dopo il gesto di Picchi e il comunicato del Pd

0
873

Il sindaco Gianluca Bardone nel mirino delle opposizioni dopo l’aggressione avvenuta nell’ultima seduta del Consiglio comunale, quando il capogruppo Pd Marco Picchi ha messo le mani addosso all’esponente dei 5 stelle Danilo Bottiroli. Tutte le minoranze presenteranno una mozione di sfiducia nei confronti del primo cittadino reo, secondo le opposizioni, di non essere intervenuto dopo i grave episodio e di non aver detto nulla in seguito. Ad aggravare la situazione, il “bizzarro” comunicato del Pd tortonese, partito a cui Bardone appartiene, che ha accusato il folto pubblico di aver preso parte alla seduta su “ordine” delle minoranze, in particolare 5 Stelle e Nuova Tortona con il consigliere Fabio Morreale.

Il sindaco di Tortona Gianluca Bardone
Il sindaco di Tortona Gianluca Bardone

Quest’ultimo aveva presentato un’interrogazione per conoscere la situazione degli asili nido comunali. Come è noto, nonostante la giunta avesse previsto che, con la nuova gestione, tutti i posti di lavoro fossero garantiti, solo tre insegnanti su nove erano state assunte. Solo dopo le proteste dei genitori dei bambini e del personale stesso, la situazione è rientrata ma Morreale ha voluto vederci chiaro rispetto al bando comunale, che ha consentito al nuovo gestore di ridurre i dipendenti. Dopo la risposta dell’assessore Graziano, venerdì scorso Bottiroli aveva chiesto inutilmente di aprire la seduta consiliare agli interventi del pubblico, proposta duramente contestata dalla maggioranza e dal consigliere Ciniglio.

L’esponente dei 5 stelle aveva quindi ricordato che in altre occasioni, per esempio la premiazione della squadra locale di basket, il Consiglio comunale era stato aperto senza problemi. Parole che hanno fatto saltare al mosca al naso a Picchi, dirigente del club, che ha pensato bene di alzarsi e mettere al muro Bottiroli, un gesto mai visto in Consiglio a Tortona. Al fatto, come dicevamo, è seguito il comunicato del Pd, che non ha contribuito a quietare gli animi.