Orsini e Branciaroli al Marenco con “Pour un oui ou pour un non”

La prosa di Nathalie Serraute, domenica al Marenco.

0
141

Con la commedia “Pour un oui ou pour un non » di Nathalie Sarraute, una delle più importanti scrittrici francesi della seconda metà del Novecento termina la stagione teatrale al Marenco di Novi Ligure.

Forse sono le parole non dette o le intonazioni ambigue che hanno provocato malintesi e rancori tra due vecchi amici che dopo molti anni si ritrovano e ripercorrono i motivi della loro separazione. Per un sì o per un no è quel nulla che può cambiare tutto, quel nonnulla che provoca lacerazioni profonde, ferite insanabili.

Di questo tratta la commedia della Sarraute, un dialogo serrato tra i due protagonisti Franco Branciaroli e Umberto Orsini, che si ritrovano sulla scena dopo tanti anni, creando, con la loro abilità oratoria, un gioco al massacro come del resto la commedia prevede. Geniali. E’ come se si assistesse a un incontro, a un dibattito tra due alte scuole di pensiero del palcoscenico. La disputa sottile e irreducibile che mettono a segno Orsini e Branciaroli, è una pietra miliare della scena. “Ci siamo voluti, ci unisce una profonda intesa, abbiamo memorie in comune, e ragioniamo istintivamente insieme”, spiega Orsini. “In due artisti di tempra vissuta come la nostra, è facile trovare l’accordo degli intervalli e delle parole-contro” come riporta  Rodolfo di Gianmarco su Repubblica.

A guidare questo gioco è uno dei maestri indiscussi dello spettacolo, Pier Luigi Pizzi, che ritorna al suo antico amore per la prosa ben noto a chi lo ricorda tra i collaboratori più assidui della “Compagnia dei giovani” fin dai suoi inizi.

Lo spettacolo avrà inizio alle 21, accesso al teatro dalle 20.15

Per info: [email protected] – 347 73 60 627 dal mercoledì al venerdì dalle 14 alle 19

Biglietteria, Via Nicolò Girardengo 48, Novi Ligure – mercoledì e venerdì dalle 17.30 alle 19:00.

Biglietteria on line VIVAticket

La stagione teatrale è organizzata da Fondazione Marenco e Pimonte Vivo.