Ottamasara, il monaco buddista protagonista al raduno di Piuzzo

0
2664

Si dice che abbia reincarnato Madre Teresa di Calcutta. Da ex imprenditore fallito in Birmania, a monaco di carisma planetario dopo essere passato da un lungo periodo di depressione.

Ottamasara, conosciuto con accanto al nome il titolo reverenziale di Sayadaw, dirigerà eccezionalmente un ritiro internazionale di meditazione Vipassana a Piuzzo, in alta Val Borbera, da domani, lunedì, fino al 27 agosto.

Personaggio seguito da milioni di fedeli, Ottamasara ha dedicato la vita alla spiritualità e all’aiuto ai bisognosi, creando in Birmania il Thabarwa center, un’oasi dove si pratica la Meditazione Vipassana (antica pratica buddista che punta al raggiungimento della pace interiore) ed è divenuta rifugio soprattutto per chi vive ai margini della società ma non solo.

Piuzzo (nell’area Rifugio Pineta) per una settimana sarà dunque come un piccolo centro birmano dove si terranno corsi di meditazione. Sarà possibile incontrare personalmente il maestro buddista. Si attende una grande affluenza, tra cui disabili, volontari per poterli assistere che parteciperanno solo in cambio di un pasto e della frequenza ai corsi e persino suore laiche.

Moltissimi sono già i centri  italiani che praticano la Vipassana  e tra questi c’è l’associazione “Scarabeo” di Novi Ligure (in salita Ravazzano Santo 5) che ha propiziato questo evento in Val Borbera. Responsabile del centro novese è la Psicoterapeuta Donatella Barbagallo, la quale ha spesso collaborato con i centri birmani prestando attività di volontariato ma anche ospitando i monaci dell’associazione umanitaria internazionale Thabarwa Center durante le loro visite in Italia.

“La nostra associazione – spiega la dottoressa Barbagallo – si occupa di promuovere, attraverso la meditazione, la consapevolezza del valore e del diritto ad una vita dignitosa e serena per tutti gli esseri umani. Anno dopo anno, i soci sono aumentati in modo considerevole, tanto da diventare la comunità di praticanti stabile più numerosa d’Italia. Numerose sono state le nostre azioni di volontariato destinate a famiglie e singoli individui del territorio novese. Lo scorso anno è nato un ramo dell’associazione “Scarabeoltre” dedicato al volontariato internazionale. La scorsa estate è stato fatto un intervento di volontariato al centro Thabarwa di Yangon, voluto e sostenuto da questo monaco eccezionale. Ora stiamo presentando un progetto rivolto al centro birmano che prevede la potabilizzazione delle acque”-.

“Per partecipare all’evento di Piuzzo non occorre essere buddisti – conclude la dottoressa – perché la bontà non ha nessuna fede, è apolitica e nasce dal cuore. Lo stesso Ottamasara un anno fa ha fatto visita in Vaticano, accolto con grande affetto dai religiosi cattolici”-.

Il ritiro che comincerà domani, 21 agosto, è aperto a meditatori sia esperti che principianti. Domenica 27, giornata conclusiva, l’accoglienza sarà estesa a partire dalle 10, a offerta libera, anche ai non meditatori. Per altre informazioni e per prenotare, si può scrivere all’indirizzo email [email protected] o telefonare al numero 347 – 6977778.