Giornata negativa per le tre alessandrine impegnate nel campionato di Serie C regionale. Nel Girone B Novi era chiamata al colpaccio esterno, ma la Bonprix TeamVolley di Biella non lascia scampo alle Grapes che hanno patito le troppe assenze, presentandosi solamente in 9. Il primo set è il più equilibrato con le novesi che cercano di mantenere contatto. Ci riescono ed anzi trovano un momento di difficoltà delle locali che vanno sotto fino al 16-19. Poi escono insicurezze e forse, chi lo sa, forse proprio la famosa paura di vincere esce prepotente e le biellesi con un clamoroso break di 6-0 impattano il parziale per poi andarsene e vincere 25-20.

Nei restanti due set c’è poco da raccontare sulla gara di Novi che crollano sia fisicamente che psicologicamente, con il secondo set che vede le biellesi risolverla in meno di mezzora con un perentorio 25-14. Troppi errori per le sfiduciate ragazze che comunque hanno una lieve reazione nel terzo periodo in cui partono male, poi rientrano fino al 13-10, ma da qui in poi le ospiti cedono su tutta la linea. Si chiude 3-0 con un brutto 25-13 l’ultimo set.

Più combatttuta la gara fra Lpm Mondovì e le Cantine Rasore Ovada che strappano un punto in trasferta contro una formazione di tutto rispetto come le cuneesi. Le ovadesi riescono a strappare il primo set tiratissimo ai vantaggi che le alessandrine si aggiudicano 24-26. Crollo poi incredibile nei successivi due set in cui le ovadesi si arrendono 25-14 e 25-12, salvo reagisce ed aggiudicarsi il quarto set 23-25. Al tie break Ovada tiene fino al 10 pari lasciando scappare poi le monregalesi che trovano la vittoria. Resta un dato positivo comunque ovvero i risultati dagli altri campi con zero punti ottenuti da Rosaltiora e Montalto. Ora concentrazione massima, il prossimo impegno sarà forse decisivo con Almese.

Se la gioca, ma perde ancora il Gavi Volley che china la testa di fronte al Venaria Real Volley che deve sudare, ma strappa tre punti alle biancorosse. Partita sempre in bilico con il 23-25 nel primo set che sta li a provarlo. Nel secondo periodo non molla Gavi, ma qualche sbavatura di troppo costa anche questo set. Nell’ultimo set si gioca a viso aperto e la Tre Colli si gioca il tutto per tutto, ma alla lunga escono le differenze tecniche e di panchina che consentono alle torinesi di imporsi e fare bottino pieno.