Paolo Rumiz e 100 giovani musicisti alla Benedicta

A fine luglio il grande evento dedicato alla convivenza tra i popoli con lo scrittore e la European spirit of youth orchestra

0
2669

La musica suonata da un’orchestra composta da 100 elementi, le letture affidate a un giornalista, il tema saranno l’Europa con le sue strade e la convivenza tra i popoli. Il 29 luglio, alla Benedicta, nel luogo simbolo della Resistenza del nostro Appennino, si terrà un grande evento. Paolo Rumiz, giornalista e scrittore, con la European spirit of youth orchestra (Esyo), sarà il protagonista di “Tamburi di pace – atto terzo: Appia e le altre”. Nel cortile della ex cascina di Capanne di Marcarolo (Bosio), suoneranno cento giovani musicisti, selezionati in tutta Europa dal maestro triestino-sloveno Igor Coretti-Kuret, accompagnati dalle letture di Rumiz, già inviato nei conflitti nei Balcani e in Afghanistan, autore di tanti reportage e libri dedicati suoi viaggi in giro per l’Italia e l’Europa, in bicicletta, in treno e a piedi.

Lo scrittore Paolo Rumiz
Lo scrittore Paolo Rumiz

Il tema saranno appunto le strade del nostro continente, in parte già percorse da Rumiz, a partire dalla più antica, la via Appia, costruita dai romani tra Roma e la Puglia. “Un evento sinfonico – si legge sul sito di Tamburi di pace – dedicato a uomini e donne che migrano per lavoro, disperazione, curiosità, amore o pura inquietudine. L’evocazione corale di esistenze che cercano spazio oltrepassando valichi, confini, pianure, fiumi, reticolati e terre desolate. In un tempo di viaggi virtuali, un invito al viaggio reale, per ritrovare una patria comune mai così male amata come di questi tempi”.

La European spirit of youth orchestra (Esyo)
La European spirit of youth orchestra (Esyo)

Tamburi di pace è un progetto che vuole “diffondere attraverso la musica messaggi di solidarietà e convivenza tra i popoli”, tema legato agli eventi della Benedicta, luogo da cui, come ricorda Dino Bianchi, presidente del Parco dell’Appenino Piemontese, “Rumiz ha già intrapreso uno dei suoi tanti viaggi raccontati ai lettori”. Sarà proprio l’ente di gestione delle aree protette a organizzare l’evento nell’ambito della rassegna Appennino Racconta 2017, un ricco calendario di eventi con escursioni, appuntamenti culturali e molto altro.