Polfer. Controlli a tappeto nelle stazioni ferroviarie

0
283

Nell’ambito dell’azione di controllo straordinario denominata “Active Shield”, del 19 e 20 gennaio, gli agenti di Novi Ligure hanno indagato una trentenne romena, senza fissa dimora, con numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, per resistenza, oltraggio e minaccia a Pubblico Ufficiale, rifiuto di generalità e vilipendio delle istituzioni e delle Forze Armate. La ragazza, controllata a bordo di un treno regionale sulla tratta Alessandria -Arquata Scrivia ha iniziato a inveire contro i poliziotti con epiteti offensivi e minacciosi, continuando con il suo atteggiamento ostile, anche durante il suo accompagnamento negli uffici di Polizia.

Durante l’Operazione organizzata da RailPol, Associazione di Polizie Ferroviarie e dei Trasporti Europee, su scala internazionale finalizzata ad attivare contemporaneamente in tutti i Paesi aderenti, controlli a viaggiatori e relativi bagagli, presenti a bordo dei convogli ferroviari, in particolare quelli ad alta velocità ed internazionali, nonché all’interno delle stazioni più importanti,  sono stati 3 gli indagati, 1.165 persone controllate, 112 operatori impegnati in 28 stazioni ferroviarie, 285 treni presenziati e 154 bagagli ispezionati.

Gli agenti della Polfer, impegnati negli scali ferroviari di competenza, hanno operato per la sicurezza dell’intera utenza ferroviaria con mirate azioni di prevenzione di tutte le condotte illecite. I servizi si sono svolti nelle stazioni con notevole flusso di viaggiatori, garantendo la vigilanza nelle aree ferroviarie con l’utilizzo anche di metal dectector e apparati Spaid per un più celere e puntuale controllo.