Questione asilo nido. Sabbi attacca: “Come faceva l’Assessorato a non sapere?”

Tante le domande poste dal leader di Abc all'amministrazione

0
2430

Lungi dall’estinguersi nonostante il recente acquazzone, l’incendio arquatese legato alla situazione dell’asilo nido comunale, continua a tenere banco in paese, fra commenti nei bar, sui social network e prese di posizione in difesa o all’attacco della presunta responsabile.

Dopo le nostre interviste al sindaco Basso e al consigliere di minoranza Dellepiane, anche l’altro consigliere di minoranza, Diego Sabbi ha resto nota la propria posizione, tornando ad attaccare l’Amministrazione, rea di non avere accettato l’istituzione di una commissione d’indagine consiliare per approfondire le responsabilità su quanto avvenuto nell’edificio.

Abc per voce del suo capogruppo, ha puntato il dito sulla gestione della vicenda esprimendo i propri dubbi tramite un video postato sulla propria pagina Facebook. Al centro dell’intervento del medico arquatese non c’è tanto l’indagine in corso, bensì si esprime la preoccupazione per l’ipotesi che anche altri settori comunali possano essere coinvolti in uno scandalo simile a quello avvenuto al nido.

Non solo, infatti l’attacco più duro arriva quando Sabbi punta direttamente il dito: “Si dice che i bambini fossero circa 77 con un limite stabilito di 60. Com’è possibile che gli uffici comunali e l’assessorato preposto non sapessero nulla? E i bambini in più ora che fine faranno?”.

Perplessità che hanno pervaso la mente di più di un arquatese, anche alla luce del discorso sicurezza. Infatti fra i dubbi espressi da Sabbi c’è anche quello della copertura assicurativa per i bambini in sovrannumero.

L’ultima stoccata è rivolta ancora all’assessorato competente: “L’Assessore ha dichiarato di non sapere nulla di questa storia. Ma allora come hanno fatto a scoprire la cosa? Se i bambini in più pagavano in contanti, quindi il denaro non era tracciato, come ci si è potuti accorgere dell’ammanco nel bilancio?”.

Insomma domande che non solo il leader di Abc si è posto, e che includono il discorso legato alle voci di una privatizzazione dell’asilo, voci che proprio il sindaco ha smentito comunque in modo piuttosto chiaro durante l’ultima intervista a Giornale7. Di sicuro c’è che per il momento le attività del nido proseguono mentre la direttrice è ufficialmente ancora in ferie e le indagini su quanto successo vanno avanti.