Radic’Arte 2.0. A Pasturana si danza.

Al via la seconda edizione del piccolo festival di danza contemporanea dedicato alla scoperta del territorio.  Performance di danzatori professionisti e laboratori gratuiti dedicati a grandi e piccini.  

0
185
(foto Lucia Mondini)

Musica dal vivo, performance di danza contemporanea e videodanza e laboratori gratuiti sul movimento dedicati a tutte le fasce d’età: è questo il ricco programma di Radic’Arte 2.0, il piccolo Festival dedicato alla riscoperta del territorio e delle tradizioni, ospitato per il secondo anno a Pasturana nei mesi di giugno e luglio. Dopo una prima edizione di successo, che ha registrato un’affluenza molto promettente, con quasi 400 persone coinvolteil Festival torna con un nuovo e interessante calendario.

radic'arteUn’occasione per riscoprire le proprie radici, il paese e i suoi elementi caratteristici attraverso l’arte, e per fare di Pasturana, anche quest’anno, una grande “piazza di creazione” alla quale sono tutti invitati a partecipare”. E’ questa la dichiarazione di intenti delle creatrici e organizzatrici del Festival, le danzatrici e formatrici Chiara Borghini e Gaia Figini, che quest’anno calano nuovamente l’asso, creando ancora una volta occasioni di incontro e scoperta per grandi e piccini, a partire dai laboratori gratuiti dedicati al movimento, 5 appuntamenti in programma da giovedì 30 giugno a domenica 24 luglio, giornata, quest’ultima, dedicata ad un momento di incontro e scambio fra  tutti i partecipanti alle attività.

Il cartellone si arricchisce nel mese di luglio: il 9, infatti, il Birrificio di Birra Pasturana sarà la location ospite di “1277 passi da te – Pasturana in videoarte”, un’inedita creazione di videodanza realizzata proprio nel paese da Federica Mocchetti e Marika Di Remigio, danzatrici del collettivo whynot_space, mentre il 30 luglio il Castello di Pasturana farà da cornice a uno spettacolo in Castello”, un’appassionante visita guidata interattiva, in cui danza e musica accompagneranno gli ospiti attraverso un interessante percorso tra le sale più suggestive del noto edificio storico.

Con grande piacere l’Amministrazione comunale ha deciso lo scorso anno di dare il proprio patrocinio all’iniziativa di Radic’Arte, ritenendolo un progetto capace di valorizzare il territorio coinvolgendo tutte le fasce di età e capace di portare nel nostro contesto una forma d’arte, la danza contemporanea, che qui sola faticherebbe ad arrivare” dichiara Giuseppina Pomero, Assessore alla Cultura e al Bilancio di Pastrurana. “Il riscontro positivo ottenuto, non solo dalla partecipazione, ma anche dalla risonanza del piccolo paese di Pasturana fuori dai confini distrettuali e provinciali, ci porta a continuare con convinzione ed entusiasmo a sostenere l’iniziativa”.

Il festival è realizzato grazie alla collaborazione tra Fantomatica APS e Radic’Arte APS, al Patrocinio del Comune di Pasturana e al contributo di Cassa di Risparmio di Alessandria, Ass. Turistica Pro Loco di Pasturana e S.M.S. “La Concordia”, oltre alla partnership con Birrificio Birra Pasturana, Biblioteca Civica “E. Arecco” e il collettivo “whynot_space” di Milano.