Rocchetta Ligure. L’Unione garantisce la Scuola, ma in Comune si profila un commissario?

0
338
Scuola San Orione Rocchetta Ligure

Tra un mese, giorno più, giorno meno, la campanella delle scuole suonerà e alunni e studenti riprenderanno le lezioni. Anche i bimbi che frequentano l’istituto San Orione di Rocchetta Ligure siederanno ai loro banchi. L’assicurazione arriva dal presidente dell’Unione Terre Alte, Giorgio Torre.

Presidente, qualche voce ipotizza problemi per l’anno scolastico che sta per iniziare.

Giorgio Torre

Ma no, non c’è nessun problema per gli alunni. E’ vero che esiste una questione economica che pesa sulla scuola, o meglio sui lavori di ristrutturazione che sono stati eseguiti in anni passati, ma è una questione finanziaria che non riguarda i bambini. Il Comune di Rocchetta, se ricordo era il 2014, presentò un suo progetto, al Ministero su un bando per il piano di edilizia scolastica,  che fu finanziato per circa 480mila euro.  Sempre Rocchetta si occupò della gara d’appalto, senza mai interloquire con gli altri 6 Comuni, che voglio ricordarlo, pagano sia la quota di spettanza del mutuo per l’edificio scolastico, sia la quota spese in proporzione per gli alunni che frequentano le lezioni. Il finanziamento del Ministero prevedeva che una piccolissima quota , fosse a carico del Comune, ora la ditta che ha eseguito i lavori dice che mancano all’appello 85mila euro. Noi, e quando dico noi intendo tutti gli altri sindaci della Valle, non abbiamo mai e dico mai avuto il resoconto dei lavori fatti, né i costi, ora il sindaco di Rocchetta pretende che paghiamo questa cifra, ma è impossibile, come può un ente pubblico sborsare soldi pubblici che non ha messo a bilancio? e senza una motivazione valida? La Corte dei Conti ci inseguirebbe con il forcone…

Quindi che farete?

Una soluzione si troverà, ma ripeto, sarebbe interessante capire nel dettaglio i lavori svolti e i relativi costi. La prossima settimana convocherò un incontro con tutti i miei omologhi, compreso Rocchetta, che per altro vorrei precisare non fa parte dell’Unione . Spero che partecipi. Sono solidale con la ditta che ha lavorato e giustamente vuole i suoi soldi.

Già e per averli  ha chiesto di pignorare i conti del Comune, in questo modo si mette a rischio la gestione della scuola.

Il centinaio di alunni dell’Istituto, continuerà  a frequentare le lezioni in Valle, lo ripeto, in un modo o nell’altro, una soluzione si troverà.

Intanto la minoranza in Consiglio comunale di Rocchetta dichiara:

Rileviamo che, per la grave situazione debitoria riguardante la ristrutturazione della scuola (in precedenza 28 mila euro ora saliti inspiegabilmente a 85!), ancora una volta si scaricano le responsabilità su altri soggetti istituzionali. Tutto ciò, a fronte di una catastrofica situazione finanziaria in cui purtroppo versa il nostro Comune, non in grado, come da noi evidenziato in varie occasioni, di svolgere il ruolo di Capofila per la gestione della scuola, considerato il rischio di compromettere un servizio essenziale per l’Alta Valle.

Fortemente preoccupati, più volte abbiamo richiesto chiarimenti sui conti e non ritenendo le risposte soddisfacenti, non abbiamo mai votato a favore dei bilanci in Consiglio comunale.

Chiediamo pertanto, ancora una volta, che il Sindaco e la Giunta chiariscano la situazione e confidiamo in un controllo approfondito da parte delle autorità competenti, compresa la necessità di valutare un eventuale commissariamento.