Scuole elementari: un fine settimana con la Mostra d’arte infantile

L'iniziativa è giunta alla ventisettesima edizione e quest'anno è dedicata al tema "Gavi in fiore".

0
215

Torna oggi, 28 maggio, e domani, la Mostra d’arte infantile nella scuola elementare di Gavi. Descrive l’iniziativa la professoressa Alessandra Lorenzo: “Due parole legate non solo da una rima perfetta, ma anche da una simbologia che non ha bisogno di libri per essere spiegata nè di maestri per essere rappresentata.
Il più puro tra i messaggi che ci arrivano agli occhi è proprio la natura a fornircelo.
L’essere umano sin dal primo giorno di vita riceve questi stimoli visivi che formano la base
fondamentale di un bagaglio artistico culturale che andrà via via sviluppando anche inconsciamente lungo tutto l’arco della propria esistenza.
Il fiore ed i colori, connessi al mondo degli affetti, si caricano di una più incisiva componente sentimentale, veri e propri messaggeri del cuore, senza ricorrere all’uso delle parole, diventando un modo per comunicare particolari stati d’animo: gioia, amicizia, stima, riconoscenza, fedeltà, dolore, malinconia, tristezza, fiducia e soprattutto amore.
Quest’anno la 27^ Mostra d’Arte Infantile “Gavi in fiore” mette in evidenza tutti questi
aspetti che il nostro splendido territorio offre come spunto agli occhi ed alla sensibilità dei
bambini a contrasto delle ben più tristi visioni che la recente storia ci sta fornendo.

Un panorama di Gavi dal Forte

Il disegno ha permesso di definire il rapporto con gli elementi percepiti e astratti e favorito processi esplorativi, creativi e di conoscenza, aprendo la strada all’acquisizione di una
nuova sensibilità. Non ci si dimentichi inoltre che il disegno possiede una doppia valenza
sia comunicativa che conoscitiva: il bambino comunica con se stesso arricchendo il proprio
sapere ed allo stesso tempo ci comunica quello che conosce e che prova nel profondo.
Un ambiente stimolante come il nostro territorio e la corretta importanza che la Scuola Elementare attribuisce all’attività grafica ed all’Educazione all’Immagine, diventano sostegno agli sforzi dei bambini stessi di entrare in comunicazione con gli adulti.
Desidero ringraziare chi ha creduto e continua a credere nel progetto artistico, nei bambini
entusiasti della materia, nei genitori stupiti dai loro figli, nella sinergia che pervade il lavoro
delle maestre, nella lungimiranza della Dirigenza Scolastica, nella collaborazione logistica
dei bidelli, uno speciale ringraziamento al Comune di Gavi che rende possibile tutto ciò e
un grazie di cuore a mia madre Amalia con la quale ho fondato il Laboratorio di Educazione
Artistica 27 anni fa e che continua ad essere mia fonte d’ispirazione ed esempio”.