Servizio postale inadeguato in tutta la provincia

I sindacati sollevano il problema

0
520

Pochi postini e ancor meno impiegati negli uffici postali. I sindacati in un comunicato unitario denunciano la grave situazione degli organici di Poste Italiane, in provincia di Alessandria.

Dal 21 maggio scorso, è attivo il modello di recapito a giorni alterni e, dicono i sindacati, mancano trenta portalettere titolari di zona, con una copertura intorno 98% mentre il nuovo modello organizzativo stabilisce una percentuale lorda del 110%., cioè i l 10% di scorte. E’ l’unica provincia in  tutto il Piemonte, dove l’azienda, malgrado l’accordo nazionale  sulle politiche attive del lavoro, non prevede né trasformazioni da part time a full time, per i portalettere che hanno questo contratto e neppure stabilizzazioni a tempo indeterminato per il personale assunto negli anni precedenti, con contratti a termine.

Situazione analoga negli uffici postali; ad essere più penalizzati sono i centri piccoli dove c’è il solo direttore e manca sempre uno sportellista, nei centri un po’ più grandi oltre al responsabile è presente un solo impiegato invece dei due previsti o solamente due impiegati laddove ne necessiterebbero tre,  e ancora, negli uffici centrali a doppio turno, il servizio viene garantito solo grazie allo straordinario programmato di settimana in settimana.

Inoltre i sindacati lamentano che il personale di sportello viene sistematicamente inviato in trasferta lontano dalla sede abituale.

Anche per gli impiegati non è prevista alcuna assunzione di personale, a meno che l’ufficio non sia redditizio, cosa che pare improbabile.

Insomma una situazione difficile, l’unica consolazione, se così si può dire, è che poiché l’Agcom, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, non consente di chiudere gli uffici nei piccoli comuni, il servizio per le popolazioni che ci abitano, è minimamente garantito. Resta il fatto che in 160 uffici su 208 in totale vi è un solo impiegato.

 I sindacati chiedono a Poste Italiane quali provvedimenti organizzativi intenda adottare e alle istituzioni locali quali iniziative intendano mettere in campo affinché il servizio venga erogato in termini qualitativi.