Siccità: la Regione chiede fondi al Governo per 592 Comuni

In provincia di Alessandria sono 178 quelli che hanno subìto danni stimati in 75 milioni 766 mila euro

0
299

La Regione ha inoltrato al ministero delle Politiche agricole e forestali la richiesta che venga riconosciuto il carattere di eccezionalità della prolungata siccità che ha colpito il Piemonte nella primavera e nell’estate del 2017, facendola rientrare tra le avversità atmosferiche assimilabili alle calamità naturali.

I danni ammontano a oltre 185,4 milioni di euro e coinvolgono il territorio di 592 Comuni dei quali 178 in provincia di Alessandria per un ammontare di 75 milioni 766 mila euro.

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Agricoltura Giorgio Ferrero, ha approvato la delibera che individua i territori colpiti e quantifica i danni alle produzioni. L’obiettivo è permettere alle imprese agricole di accedere ai contributi previsti dalla legge per la ripresa dell’attività produttiva.

«Come è avvenuto per le gelate – spiegano al settore Calamità naturali della direzione Agricoltura regionale -, la delibera è stata inviata al Ministero delle Politiche agricole che farà un decreto per riconoscere l’eccezionalità dell’evento. Dopo 4 o 5 mesi comunicherà la somma che il fondo di solidarietà nazionale mette a disposizione per l’indennizzo».

«I danni in Piemonte superano i 185 milioni di euro – dice l’assessore Ferrero -. Sono stati fenomeni veramente eccezionali: in base ai rapporti elaborati dall’Arpa le stagioni primaverile e estiva del 2017 in Piemonte sono risultate rispettivamente la terza e la seconda stagione più calda nella distribuzione storica delle ultime 60 stagioni con temperature medie di 2,6 e 2,5 gradi in più rispetto alla norma e assenza di precipitazioni».

E aggiunge: «La delibera della Giunta regionale con la richiesta che venga dichiarato il carattere di eccezionalità della siccità (in quanto avversità atmosferica assimilabile a calamità naturale) è stata inviata al Ministero che farà un decreto. Nel momento in cui verrà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale i soggetti danneggiati avranno 45 giorni di tempo per presentare la richiesta di risarcimento. Poi è fondamentale che ci siano risorse disponibili, almeno una parte decorosa. Per le altre calamità (alluvioni e gelate) con la prima definizione delle risorse siamo sotto l’1%, pochissimo. Abbiamo scritto al Governo dicendo che queste non sono cifre compatibili. Quando avvengono calamità naturali, per esempio un uragano, una tromba d’aria, la Regione ha lo strumento per mettere soldi propri. In questo caso però il Governo ha fatto la deroga per assimilare eventi come gelate e siccità a calamità naturali. Abbiamo scritto più volte al Ministero: se fate una deroga pensate anche a mettere i soldi. Dopo il primo stanziamento di circa 16 milioni di euro a livello nazionale fra gelate e alluvioni, che per noi equivale a 1 milione e poco più, adesso ci aspettiamo il resto».

Elenco dei 178 Comuni alessandrini colpiti

Acqui Terme, Albera Ligure, Alessandria, Alfiano Natta, Alice Bel Colle, Alluvioni Cambiò, Altavilla Monferrato, Alzano Scrivia, Arquata Scrivia, Avolasca, Basaluzzo, Bergamasco, Berzano di Tortona, Bistagno, Borghetto Borbera, Borgoratto Alessandrino, Bosco Marengo, Bosio, Bozzole, Brignano Frascata, Cabella Ligure, Camagna Monferrato, Camino, Cantalupo Ligure, Capriata d’Orba, Carbonara Scrivia, Carezzano, Carpeneto, Carrega Ligure, Carrosio, Cartosio, Casal Cermelli, Casale Monferrato, Casaleggio Boiro, Casalnoceto, Casasco, Cassano Spinola, Cassine, Cassinelle, Castellania, Castellar Guidobono, Castellazzo Bormida, Castelletto d’Erro, Castelletto d’Orba, Castelletto Merli, Castelletto Monferrato, Castelnuovo Bormida, Castelnuovo Scrivia, Castelspina, Cavatore, Cella Monte, Cereseto, Cerreto Grue, Cerrina Monferrato, Coniolo, Conzano, Costa Vescovato, Cremolino, Cuccaro Monferrato, Denice, Dernice, Fabbrica Curone, Felizzano, Fraconalto, Francavilla Bisio, Frascaro, Frassineto Po, Fresonara, Frugarolo, Fubine, Gabiano, Gamalero, Garbagna, Gavazzana, Gavi, Giarole, Gremiasco, Grognardo, Grondona, Guazzora, Isola Sant’Antonio, Lerma, Lu, Malvicino, Masio, Melazzo, Merana, Mirabello Monferrato, Molare, Molino dei Torti, Mombello Monferrato, Momperone, Moncestino, Mongiardino Ligure, Monleale, Montacuto, Montaldo Bormida, Montecastello, Montechiaro d’Acqui, Montegioco, Montemarzino, Morbello, Mornese, Morsasco, Murisengo, Novi Ligure, Occimiano, Odalengo Grande, Odalengo Piccolo, Olivola, Orsara Bormida, Ottiglio, Ovada, Oviglio, Ozzano Monferrato, Paderna, Pareto, Parodi Ligure, Pasturana, Pecetto di Valenza, Piovera, Pomaro Monferrato, Pontecurone, Pontestura, Ponti, Ponzano Monferrato, Ponzone, Pozzol Groppo, Pozzolo Formigaro, Prasco, Predosa, Quargnento, Quattordio, Ricaldone, Rivalta Bormida, Rivarone, Rocca Grimalda, Roccaforte Ligure, Rocchetta Ligure, Rosignano Monferrato, Sala Monferrato, Sale, San Cristoforo, San Giorgio Monferrato, San Salvatore Monferrato, San Sebastiano Curone, Sant’Agata Fossili, Sardigliano, Sarezzano, Serralunga di Crea, Serravalle Scrivia, Sezzadio, Silvano d’Orba, Solero, Solonghello, Spigno Monferrato, Spineto Scrivia, Stazzano, Strevi, Tagliolo Monferrato, Terruggia, Terzo, Ticineto, Tortona, Treville, Trisobbio, Valenza, Valmacca, Vignale Monferrato, Viguzzolo, Villadeati, Villalvernia, Villamiroglio, Villaromagnano, Visone, Volpedo, Volpeglino, Voltaggio.