Una targa per Andrea

Scoperta ieri alla Croce del'Alpino una targa per ricordare il giovane scalatore che amava Dante

0
1954

Una vita breve ma  vissuta con grande intensità, una vita piena di bellezza, di natura, di famiglia, di amici, di sport e di Dante”.

Questo il profilo che don Jairo ha disegnato di Andrea Chaves, il giovane morto lo scorso settembre mentre si accingeva a scalare in solitaria il Monte Bianco percorrendo la via Major, una delle grandi rotte di salita al “tetto d’Europa”: la sua giovane vita si è spezzata su quelle montagne che lui amava tanto.

La scalata, la corsa, erano le sue grandi passioni ma Andrea  era conosciuto  in tutto il territorio, oltre che per le sue doti atletiche, anche per il suo amore per Dante, che recitava con grande passione, incantando ogni volta il pubblico.

Per ricordare Andrea ieri domenica 19 novembre, gli amici hanno organizzato una camminata alla Croce dell’Alpino, posta sulle alture di Cantalupo Ligure, qui è stata posta una targa. Alla cerimonia di scopertura della targa commemorativa erano presenti i genitori di Andrea, Patrizia e Yonni Chaves.

(Foto Gianni Torchia)