Torna dopo la pandemia la manifestazione “Porta un tricolore in Antola”

0
207
foto Stefano Spadacini

Dopo due anni, a causa delle restrizioni legate alla pandemia, ritorna sul monte Antola la manifestazione di commemorazione che raduna coloro che amano l’Appennino e vogliono celebrare l’Anniversario della Liberazione con un’escursione, piena di significato, su una delle montagne simbolo della Resistenza, lungo i sentieri calcati settantasette anni fa dai Partigiani e dalle popolazioni delle valli che li aiutarono nella lotta contro i nazifascisti al prezzo di grandi sacrifici.

Foto Fabio Moresi

Nato nel 2015 su idea della famiglia Ciprietti, gestori del Rifugio Parco Antola e dei loro collaboratori, l’appuntamento è diventato tradizione, portato avanti con entusiasmo anche dai nuovi gestori della struttura montana, Linda Ghigino e Davide Barbè.

Ogni 25 aprile il monte Antola chiama a raccolta escursionisti, famiglie e bikers con lo slogan “Porta un tricolore in Antola” per vivere in compagnia una giornata di riflessione e di festa per ricordare i valori della Resistenza, celebrare quanti si sacrificarono per la Libertà, affermare il valore della Pace, testimoniare la speranza nel Futuro e per stare assieme in Allegria!

Un invito quanto mai attuale anche oggi, in queste settimane sospese tra un’attualità di guerra, la prospettiva del riarmo e il desiderio di una pace possibile.

Allora a partire dalle  8.30 via alle escursioni programmate dalle Sezioni CAI di Bolzaneto, Sampierdarena, ULE Genova e dai sodalizi affiliati FIE, Camminiamo Insieme ATL COOP, Gruppo Scarponi di Pontedecimo, Gruppo Escursionistico Busallese, con partenza da molte località delle Valli dell’Antola (vedi elenco località e associazioni su pagina facebook Rifugio) ma chiunque potrà salire nel rispetto della vigente normativa anti Peste Suina Africana. E’ possibile anche la salita in MTB e E-Bike a cura del gruppo Scout MTB di Montoggio.

Tra le diverse possibilità anche una escursione gratuita organizzata dall’Ente Parco Antola per vivere una giornata tra natura e storia con le guide del Parco, lungo un itinerario ad anello con partenza da Caprile. La salita si svolgerà tra faggete e pascoli fino a raggiungere il passo Tre Croci, da qui si salirà sulla vetta del Monte Antola attraverso il classico itinerario di crinale. Una volta raggiunta la vetta, dopo la manifestazione, l’itinerario di discesa prevede il rientro a Caprile passando per il cosiddetto monte “Ciuffo” con tempi di percorrenza totali di circa 5 ore.

Per tutti alle ore 11, ritrovo in vetta per la Commemorazione dei Partigiani, delle Popolazioni delle valli Trebbia, Scrivia e Borbera e di quanti combatterono e caddero su questi monti tra il 1943 il 1945 con benedizione e deposizione della corona al monumento.

A seguire appuntamento alle ore 12.30 per il ristoro al Rifugio Parco Antola con il tradizionale “rancio del partigiano” composto da polenta, dolce e caffè per cui è consigliata la prenotazione. Inoltre la manifestazione, dalla mattina fino alle ore 15, sarà accompagnata dalla musica di Fabio Casanova con “Canzoni di Resistenza, Pace e Libertà”.

L’evento si svolgerà anche in caso di maltempo, salvo Allerta Meteo Arancione e sarà necessario il rispetto delle vigenti norme in merito al Covid19 e alla Peste Suina Africana. Per informazioni e prenotazioni: [email protected] e tel. 339.487.487.2

Allora l’Antola vi aspetta… andate con un tricolore per rinnovare la suggestione di un vessillo che “portato” a piedi con fatica e sudore ritorna in montagna e rinnova l’impegno di coloro che lottarono per costruire la nostra Libertà con la speranza di una nuova Pace.