Una raccolta fondi per il nuovo libro sulla battaglia della Valle Bormida contro l’Acna.

“Cent'anni di veleno”, uscito nel 2006, ora diventa “Il Fiume Rubato”: la casa editrice francese Les éditions Timbuctu lancia un crowdfunding per la pubblicazione anche in Francia e Inghilterra. La prefazione è di Fabrice Nicolino, giornalista di Charlie Hebdo.

0
307

Cent’anni di veleno”, scritto nel 2006 da Alessandro Hellmann, 46 anni, autore romano che ha scritto canzoni interpretate, tra gli altri, da Simone Cristicchi e Rosario Di Bella, esce in una nuova edizione. È ormai considerato un classico della letteratura resistente e del teatro civile, nel quale si racconta il secolo di lotte combattute dagli abitanti della Valle Bormida, dalla Liguria fino ad Alessandria, contro i veleni che l’Acna scaricava nella Bormida, causando inquinamento e malattie. Dal libro, edito da Stampa Alternativa, era stato tratto lo spettacolo teatrale rappresentato almeno cento volte in tutta Italia in teatri, piazze, cascine e centri sociali. “E’ la storia di un fiume rubato alla gente – raccontano Alessandro e l’attore Andrea Pierdicca -, di un fiume maltrattato, offeso e ferito; è la storia dell’arroganza miope di una gran parte del 900 industriale. Una storia particolare che, come tutte le storie archetipiche, diventa universale perché tutti ci si riconoscono, perché c’è un fiume pulito da difendere che scorre in ognuno di noi”. Nella nuova edizione, aggiornata e pubblicata dalla casa editrice Les Éditions Timbuctu, il libro e il monologo sono pubblicati insieme sotto il nuovo titolo, “Il Fiume Rubato”. La prefazione del libro, tra l’altro, che si presenta con una nuova grafica, è scritta da Fabrice Nicolino, giornalista di Charlie Hebdo, la rivista satirica francese vittima dell’attentato organizzato dai terroristi islamici a Parigi nel gennaio del 2015.

Alessandro Hellmann

Il giornalista d’Oltralpe scrive: “Il Fiume Rubato è un’ode alla libertà. Questo racconto è sociale, ecologico e politico, certo, ma è anche letterario. Si sente nelle sue pagine il soffio antico e perennemente nuovo dell’epopea”. La casa editrice francese ricorda che “quella della lotta secolare degli abitanti della Valle Bormida contro l’inquinamento dell’Acna di Cengio è una storia di terra e di uomini che ci regala un grande insegnamento sui valori più profondi della Vita e sulla resistenza alla ingiustizie. Non è dunque soltanto la storia di una piccola valle piemontese, ma è una storia universale che appartiene a tutti e che torna a viaggiare aprendosi all’incontro di nuovi lettori con questa nuova edizione italiana e francese”. Les éditions Timbuctu ha lanciato una campagna di crowdfunding per pubblicare e promuovere in Francia e in Italia questa nuova avventura editoriale: “Abbiamo bisogno del vostro sostegno e che invitiate i vostri amici a sostenerci. E se gli amici dei vostri amici e gli amici degli amici dei vostri amici decideranno di sostenerci anche loro, allora riusciremo ad andare ancora più lontano e magari anche a far tradurre il libro in inglese”. Tutte le informazioni e un video di presentazione sul sito della piattaforma del crowdfunding: https://www.kisskissbankbank.com/it/projects/le-fleuve-pille-il-fiume-rubato. Alessandro Hellmann da sempre frequenta la Val Lemme: ha una casa a Gavi dove trascorre le vacanze estive.