Uno spaccato della società “Blasè”, in un monologo di Michele Puleio

Venerdì 17 gennaio al Teatro della Juta di Arquata Scrivia

0
219
Michele Puleio

Debutto per la prima assoluta di “Blasè”, domani venerdì 17 gennaio alle 21 al Teatro della Juta di Arquata Scrivia, monologo scritto e diretto da Luca Zilovich e interpretato da Michele Puleio.

Blasè inserito nel cartellone della stagione Superhuman è la prima produzione originale frutto della collaborazione tra il Collettivo Teatrale Officine Gorilla e il Teatro della Juta

“Blasé è la tendenza della società a far apparire ogni cosa di un colore uniforme, di un gusto che non sa di niente, uguale a mille altre cose. Blasé è l’incapacità delle persone di scegliere. Blasé è la vita del protagonista.La voglia di reagire e scrollarsi di dosso l’insoddisfazione lo portano ad entrare armato in una scuola elementare, barricarsi in segreteria e prenderla in ostaggio.

A questo punto, la narrazione passa in mano agli ostaggi stessi: un laureato che è finito a raspare cicche sotto ai banchi, un segretario che non vuole un cactus come compagno di vita, una mamma che adora suo figlio ma che odia sua figlia, il manager di una blogger che recensisce coppette mestruali e un professore che regge lo specchio di una società che appiattisce ogni tragedia.

Una società che usa ogni messaggio, positivo e negativo, non per migliorarsi, ma per confermare sé stessa”.

Uno spettacolo, che sottolinea  il forte legame della produzione con il territorio che vede la collaborazione con l’illustratore alessandrino Lele Gastini per le proiezioni video e con il tortonese Raffaello Basiglio per le musiche originali.

La stagione teatrale Superhuman è realizzata con il contributo della Fondazione CRT, in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo e con il patrocinio del Comune di Arquata Scrivia e del Comune di Gavi.

Per info e prenotazioni: 345.060.4219 o [email protected]Ingresso posto unico €10

CONDIVIDI
Articolo precedenteVoltaggio spegne i suoi monumenti per risparmiare 200 euro al massimo.
Articolo successivo“Mi manchi da vivere”,  una conferenza sul tema del lutto